Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
 

Elio qua, Elio là, Elio su, Elio giù

31/08/2011  L'istrionico cantautore porta a Cesenatico, in prima italiana, un originale spettacolo in cui racconta la storia di Mozart e Rossini, partendo dal loro Figaro.

   Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. Stefano Belisari, in arte Elio, non si ferma mai, inventa sempre nuovi progetti, che con un occhio guardano alla sperimentazione artistica, con l'altro all'attualità e al divertimento intelligente. Questa volta si è messo in testa di raccontarci addirittura due mostri sacri della musica quali Mozart e Rossini: mercoledì 31 agosto, alle 21.15, al teatro all'aperto di Largo Cappuccini a Cesenatico, proporrà in prima italiana Mozart alias Rossini, produzione di Emilia Romagna festival. Ad acompagnarlo, in questa temeraria impresa, i Fiati associati (Massimo Mercelli al flauto, Fabio Bagnoli all'oboe, Riccardo Crocilla al clarinetto, Paolo Carlini al fagotto, Paolo Faggi al corno.

   Nei panni del baritono, il versatile artista ci parlerà dei dei due grandi musicisti, simili per genio e carattere, avvicinandoli attraverso uno dei personaggi più noti, quel Figaro barbiere di Siviglia che, nell'interpretazione di entrambi, sfidava i luoghi comuni dell'epoca, deridendo i manierismi musicali. Riuscite a immaginare un personaggio più adatto a intonare «Figaro qua, Figaro là, Figaro su, Figaro giù. Tutti mi cercano, tutti mi vogliono...»? Di Rossini, Elio e i Fiati associati presenteranno alcuni dei più fortunati brani,  dalle opere comiche ai Péchés de Vieillesse, mentre di Mozart eseguiranno alcune delle arie tratte dal Flauto magico e Le nozze di Figaro.

   Per informazioni sullo spettacolo e sul festival, www.emiliaromagnafestival.org

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo