Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
crisi nel paese africano
 

Catastrofe umanitaria in Sudan, Emergency resta per garantire cure mediche

12/04/2024  Nel Paese, lacerato da un anno di guerra civile, la situazione è estremamente difficile. Ma l'organizzazione continua le sue attività, in particolare nella capitale Khartoum e a Port Sudan, per assistere e curare la popolazione stremata

Un anno fa, il 15 aprile del 2023, per le strade di Khartoum, capitale del Sudan, è scoppiato uno scontro scanguinoso tra le forze dell'esercito regolare sudanese e il gruppo paramilitare delle Forze di supporto rapido. La guerra civile ha causato migliaia di morti e il numero più elevato di sfollati interni al mondo, 8 milioni secondo i dati ufficiali, ma più probabilmente intorno a 11 milioni. Oggi la situazione nel Paese dell'Africa orientale è difficilissima, la popolazione è allo stremo, cibo e beni di prima necessità scarseggiano, le comunicazioni telefoniche e Internet sono spesso interrotte, la corrente elettrica subisce frequenti blackout, il prezzo del carburante è aumentato in modo vertiginoso.

Si calcola che nel 2024 le persone bisognose di assistenza umanitaria saranno 24,8 milioni. Circa il 65% della popolazione non ha accesso all'assistenza sanitaria. Per le organizzazioni umanitarie operare in condizioni così complicate è diventato molto difficile. Eppure, la Ong Emergency (www.emergency.it), presente in Sudan dal 2003, ha deciso di restare, non ha abbandonato il campo e continua le sue attività con uno staff di 586 persone in tutto il Paese (di cui 566 sudanesi) per cercare di continuare a garantire l'assistenza medica.

Emergency continua le sue attività a Khartoum con il Centro Salam di cardiochirurgia e con un ambulatorio pediatrico, tiene aperto un altro Centro pediatrico a Port Sudan, nello Stato del Mar Rosso. Ha aperto una clinica per pazienti cardiaci ad Atbara, nel Nordest. La crisi del carburante, fondamentale per alimentare i generatori in un ospedale, sta minacciando la prosecuzione delle attività sanitarie. Come racconta Franco Masini, coordinatore medico del Centro Salam, Khartoum è diventata una città fantasma. Gli sfollati si sono riversati a Port Sudan, che ha assunto le sembianze di un gigantesco campo profughi. Qui «le famiglie vivono in strada, senza acqua e in condizioni igieniche pessime, che favoriscono anche la diffusioni di malattie come il colera. Nel nostro Centro pediatrico vediamo bambini malnutriti, con patologie del tratto respiratorio e gastro-enterico. Gli ingressi sono quasi raddoppiati rispetto alla media pre-guerra».

 A un anno dall’inizio del conflitto negli ospedali di Emergency sono state 25mila le visite pediatriche effettuate, oltre 1.500 le visite a pazienti cardiaci e 200 gli interventi a cuore aperto portati a termine nel centro di cardiochirurgia di Khartoum. 

(Foto sopra di Davide Preti per Emergency: il Centro Salam a Khartoum)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo