Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
africa
 

Emergenza sorrisi, missione in Burkina Faso per curare 40 bambini

06/02/2023  Dal 6 al 13 febbraio un'équipe di medici, infermieri e anestesisti è a Sebou, presso l'Ospedale San Maximilian Kolbe, per realizzare degli interventi su minori con gravi malformazioni al volto e per formare il personale medico locale

La città di Sabou in Burkina Faso è la destinazione della nuova missione di Emergenza Sorrisi, dal 6 al 13 febbraio 2023, presso l’Ospedale San Maximilian Kolbe, per offrire cure a bambini nati con gravi malformazioni al volto. In attesa dell'équipe - composta da otto volontari fra chirurghi, anestesisti, dentisti e infermieri, coordinata da Lorenzo Trentini e guidata dal presidente di Emergenza Sorrisi, Fabio Abenavoli, chirurgo Plastico e Maxillo Facciale - ci sono 40 piccoli pazienti, bambini dai sette mesi in su e giovani adulti affetti da labiopalatoschisi ed esiti di ustioni. 

L’ospedale si trova nella provincia di Boulkiemdè, una regione che vive una grave situazione di disagio sociosanitario a causa soprattutto della mancanza di personale qualificato, risorse economiche e medicinali. In un Paese poverissimo, che non ha accesso alla sanità gratuita, lacerato da una gravissima emergenza alimentare che colpisce soprattutto i bambini, fortemente destabilizzato dalla presenza di gruppi terroristici legati al jihadismo islamico, Emergenza sorrisi si pone l'obiettivo non solo di curare, ma anche formare il persone medico e infermieristico locale. L’obiettivo è quello di migliorare del 50% la capacità di presa in carico dei pazienti da parte del Centro medico San Maximilian Kolbe nello svolgimento di interventi di base.

Il Centro, nato nel 2001 come piccola farmacia parrocchiale, grazie all’impegno dei frati minori conventuali dell’Abruzzo, nel 2009 è stato inaugurato come ospedale e negli anni è diventato una struttura ospedaliera fondamentale: attualmente serve una popolazione di 120mila abitanti ai quali offre numerosi servizi: pronto soccorso, maternità, Cren (centro di rieducazione alimentare), padiglione di odontoiatria, di degenza, servizi di ecografia, di farmacia, di laboratori analisi, di consultazione medica, casa per medici. Nel 2017 è risultato il miglior ospedale confessionale privato su sessanta in Burkina Faso. Come spiega Fabio Abenavoli, oltre ad essere una struttura per le cure gratuite, è anche «un centro di evangelizzazione dove si lavora con il cuore». 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo