Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
 

Emma, canzoni con la schiena dritta

14/05/2013  Il suo nuovo disco è in testa alle classifiche, è tornata ad "Amici", ma la cantante non dimentica la fatica fatta: "E per mia madre sono ancora una bambina".

Se nel 1972 Claudio Baglioni sognava «quella sua maglietta fina», oggi Emma si stringe «in un maglione rosso, come il conto in banca nostro. Amarti costa più del tasso fisso». I tempi cambiano per tutti, anche per la ragazza che a 25 anni ha sconfitto un tumore maligno, a 26 ha vinto Amici in Tv, a 27 ha trionfato a Sanremo e a 28 è tornata con un nuovo disco, Schiena, da settimane in vetta alle classifiche, per lei rappresenta «il mio scudo protettivo anche contro chi in questi anni continua a considerarmi un “prodotto da talent show”. Con questo disco voglio liberarmi di tutte le etichette.  Io sono io e voglio essere giudicata solo dal mio lavoro. E se non andrà bene, tornerò a fare quello che facevo prima, la magazziniera o la commessa. Del resto, non ho scelto di fare musica per avere l’autista, il cameriere personale o passare tutte le sere in discoteca. Resto una con i piedi ben piantati a terra. Vedo ogni giorno quanta fatica fanno molte amiche e mio fratello per trovare un lavoro stabile».

Per questo le canzoni del suo disco sono state scritte da autori affermati come Fabrizio Moro, Nesli e lei stessa e da giovani anche debuttanti come Naskà, autrice proprio del brano che dà il titolo al disco. «Lei in realtà si chiama Alessandra Merola. Si è presentata in punta di piedi e ora è una delle mie migliori amiche. Solo dopo ho saputo che è anche una bravissima scrittrice. A parte la bellezza della sua canzone, ho pensato fosse giusto darle un’opportunità, perché se non ci aiutiamo tra noi giovani è finita». La cantante, fiorentina di nascita, salentina d’adozione, non perde occasione per ringraziare i suoi genitori, Rosario e Maria, per aver sempre creduto in lei. «Non è da tutti avere un padre e una madre che ti pagano la registrazione delle tue prime canzoni e ti accompagnano a Milano per farle ascoltare alle case discografiche».

Eppure sono loro i primi a non essersi montati la testa per il successo della figlia. «Mia mamma, in particolare, non ha ben capito che lavoro faccio. Per lei sono ancora la sua bambina. Quando ho vinto Sanremo, alle tre e mezza di notte ho bussato alla porta della camera d’albergo dei miei genitori, convinta che mi avessero organizzato una festa. Invece mi ha aperto mia madre in pigiama e, tutta assonnata, mi ha sgridato: “E tu a quest’ora torni? Vai subito a dormire”. E si è rimessa a letto. Mio padre, invece, aveva la febbre a 40 e delirava. Così ho passato tutto il resto della notte a fargli degli impacchi freddi sulla fronte».

Emma è ritornata quest’anno ad Amici, per la prima volta non da concorrente, ma da caposquadra: «Preferisco definirmi una sorella maggiore, perché so come ci si sente, la tensione ma anche il grande divertimento che si prova. In alcuni momenti mi impongo di fare “la dura”, poi mi commuovo sempre. L’unica cosa che cerco di insegnare è che nella musica, come in tutti i mestieri, si raggiungono dei risultati solo con i sacrifici: cercare delle scorciatoie, magari fidandosi di chi vuole solo approfittare di te, non porta a nulla. In trasmissione è venuto pure don Luigi Ciotti, per dire che il talento è un dono di Dio che non va sprecato ma coltivato per arricchire gli altri. Quando vado a fare la spesa e mi fermano mamme per dirmi di essere contente del fatto che i loro figli mi ascoltano, perché secondo loro sono una persona “pulita” e che si dà da fare, per me è la soddisfazione più grande».

E a chi la critica perché vede in questo suo ritorno nel programma di Maria De Filippi solo una mossa promozionale, risponde con schiettezza: «Premesso che sono onorata di farne parte, il mio lavoro è vendere dischi e per questo cerco di raggiungere il più ampio pubblico possibile. Se un cantante non vende, la casa discografica non gli rinnova il contratto. Quindi preferisco avere un anno di lavoro in più piuttosto che ottenere maggiore considerazione da una parte della critica che ancora fatica a uscire da certi schemi». Emma è popolarissima pure fra gli anziani: «Mi riconoscono e mi dicono: “Che Dio ti benedica”. E se mi danno un bacio, è dolcissimo sentire il loro profumo alla rosa».

Si professa credente, ma non praticante, «la sera però prima di dormire mi faccio sempre il segno della croce», e apprezza molto papa Francesco, in particolare dopo le parole che ha pronunciato sull’importanza delle donne. Un tema che le sta particolarmente a cuore, tanto da essere stata una delle protagoniste di “Se non ora, quando?”, la manifestazione che nel 2011 riunì milioni di donne in varie parti d’Italia a difesa dei loro diritti. «Quelle giornate non sono state inutili, per le donne in generale e per me in particolare. Da allora si sono cementate delle amicizie, come quella con la giornalista e scrittrice Concita De Gregorio, che, oltre ad avermi arricchito, hanno rafforzato in me la convinzione di quanto una maggiore presenza femminile nei posti che contano possa solo fare bene all’Italia».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo