logo san paolo
giovedì 01 dicembre 2022
 
 

Epilessia, facciamo un po’ di luce

02/05/2012  Una Giornata nazionale unitaria per sensibilizzare opinione pubblica e media sulla malattia

«Facciamo luce sull'epilessia»: è lo slogan che lancia la Giornata nazionale per l'epilessia, indetta per il 6 maggio, giunta all'undicesima edizione e, finalmente, sostenuta e promossa insieme dalla Lega italiana contro l'epilessia (Lice) e dall'Associazioneitaliana contro l'epilessia (Aice). Obiettivo comune, attirare l'attenzione dei media e della gente su una patologia neurologica che in Europa colpisce più di 6 milioni di persone e, solo in Italia, presenta circa 30.000 nuovi casi ogni anno. Una malattia, dunque, cosiddetta sociale, per la quale la ricerca ha un ruolo fondamentale: «Il 2011 - per usare le parole del professor Roberto Michelucci, presidente Lice e direttore dell'unità di neurologia dell'ospedale Bellaria di Bologna - è stato un anno di importanti conquiste per chi soffre di epilessia; in particolare, la dichiarazione del parlamento europeo del 15 settembre scorso, con l'invito a tutti gli Stati membri di garantire pari qualità di vita e opportunità di cura delle persone con epilessia e il riconoscimento del "concetto di guarigione" contenuto nelle nuove norme sull'idoneità alla guida».


Tra le iniziative destinate a lasciare un segno profondo in chi gravita, a qualsiasi titolo, intorno alla realtà di una persona affetta da epilessia è sicuramente il primo concorso letterario di medicina narrativa, organizzato proprio dalla fondazione Lice e rivolto a tutti i malati e ai loro "caregivers". Gli elaborati che meglio degli altri rappresenteranno la convivenza quotidiana con questa patologia saranno selezionati da una giuria di esperti e successivamente raccolti in un libro distribuito a partire dalla Giornata nazionale per l'epilessia del 2012. 

Chi invece preferisce le scarpe da corsa alla penna può dare il proprio contributo alla causa presentandosi domenica 6 maggio alle ore 10.00 a Villa Doria Pamphili là dove avrà inizio la MaratoLice: 8 chilometri per la gara competitiva e 5 per la non competitiva che avranno come testimonial d'eccezione Salvatore "Totò" Antibo (guarda lo spot), campione europeo sulla distanza dei 5.000 e dei 10.000 metri e medaglia d'argento alle Olimpiadi di Seul, che nel 1990 ha scoperto di soffrire di epilessia. La raccolta fondi sarà possibile anche tramite l'invio di sms o telefonate da rete fissa del valore di 2 euro al numero 45502: il ricavato sarà destinato al finanziamento di un bando di ricerca per le epilessie farmacoresistenti. Nelle più importanti piazze italiane, inoltre, saranno presenti banchetti informativi dove acquistare, sempre a sostegno della ricerca, quelle lampadine a basso consumo a cui è ispirato lo slogan di quest'anno. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo