Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
 

Era necessario che Cristo si immolasse sulla croce?

29/08/2022  Per permettere a Dio di riappacificarsi con l'umanità, Cristo si è dovuto immolare sulla croce. Ma in questo modo, Dio non potrebbe apparire come un Moloch sanguinario che chiede sacrifici umani?

DARIO A. - Perché Dio si riappacificasse con l’umanità era necessario che Cristo si immolasse sulla croce? Questo fatto mi fa pensare a Lui come a un Moloch sanguinario che chiede sacrifici umani! 

Per salvarci Dio ha voluto che il suo unico Figlio assumesse la condizione umana, abbracciando anche la sofferenza e la morte, perché queste esperienze appartengono alla natura umana. La morte atroce di Gesù si è verificata in quanto Egli si è incarnato in un contesto di peccato e di ingiustizia, di cui ha assunto su di sé tutte le conseguenze, per solidarietà con quanti subiscono atrocità e violenze a causa della perfidia degli uomini. Gesù non ci salva per la sua sofferenza, ma con il dono della sua volontà nelle mani del Padre e affrontando il destino del giusto sofferente. La croce non è l’ultima parola di Dio e la storia di Cristo non si conclude sul Calvario: Egli è risorto, anzi è stato risuscitato, risvegliato, innalzato dal Padre. Sulla resurrezione si fondano la nostra fede e la nostra speranza e ispirandoci a essa esercitiamo la carità e l’amore persino dei nemici. Nessuna vendetta dunque da parte di Dio, solo la com-partecipazione del suo Figlio alla nostra esistenza, che è impastata anche di dolore e di morte.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo