Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
L'INIZIATIVA
 

Estate CasaOz, riapre il Campobase, giunto alla terza edizione

22/06/2022  Dal 13 giugno al 22 luglio: le attività proposte a 140 bambini e adolescenti dalla realtà nata a Torino nel 2007 per stare accanto ai giovanissimi che vivono malattia e disabilità, nonché alle loro famiglie

CasaOz (realtà nata a Torino nel 2007 per stare accanto ai bambini che vivono la malattia, la disabilità, e alle loro famiglie) ha organizzato una proposta estiva per regalare ai suoi piccoli ospiti e amici la gioia della quotidianità che cura. Si chiama CampobaseOz e consiste in un percorso di oltre un mese rivolto a 140 bambini e ragazzi. Gioco, divertimento, gite al mare e in montagna, però anche incontro con altre culture e momenti di riflessione rendono questa esperienza un vero e proprio cammino formativo. Il nome del progetto è una metafora che si ricollega all’alpinismo: nella sua accezione originaria, infatti, il campo base è quel luogo, al riparo di valanghe e intemperie, in cui vengono allestite le tende usate come punto di partenza e di appoggio per la scalata. Ed è proprio questo che CasaOz vuole offrire ai suoi giovani amici, bambini e ragazzi provati nel fisico e nella mente: uno spazio in cui raccogliere le energie, respirare, condividere con gli altri il proprio vissuto e trovare la forza per affrontare le sfide imminenti.

A proposito di sfide, val la pena ricordare che la prima edizione del CampobaseOz è nata mentre quasi tutto il mondo era fermo a causa della pandemia, nel 2020, «un anno che ha segnato tutti noi» ricorda la presidente di CasaOz, Enrica Baricco. Ora, a due anni di distanza, è tempo di riappropriarsi della normalità. E l’esperienza si amplia: «Rispetto alle scorse edizioni infatti ospiteremo più ragazzi ogni giorno a CasaOz (in totale +60% di presenze), per poter arricchire la quotidianità che cura con nuove esperienze e scoperte» aggiunge la Presidente.

Di giorno in giorno, i protagonisti di Campobase imparano, attraverso il gioco e il confronto, qualcosa su di sé e sul mondo circostante. Il lunedì, ad esempio, è la giornata dedicata alla scoperta delle culture (Italia, Marocco, Perù, Giappone, ma anche la martoriata Ucraina), grazie alla presenza a CasaOz di ospiti (scrittori, musicisti, disegnatori, artisti) provenienti da quei Paesi. Il venerdì è il giorno dell’ambiente, con passeggiate lungo il Po, cura dell’orto e altre attività orientate alla conoscenza e alla salvaguardia della natura, mentre negli altri giorni c’è posto per la conoscenza di sé, lo sport, le escursioni al mare o ad alta quota.

A simboleggiare questo percorso di crescita e di inclusione (di cui ognuno è un tassello fondamentale) i bambini e i ragazzi compongono, settimana dopo settimana, un mosaico multicolore fatto di tessere personalizzate da ogni partecipante. Tre i gruppi presenti, formati in base alle fasce d’età: elementari, medie, superiori. C’è poi un gruppo di giovanissimi reporter impegnati a raccontare le attività, con foto e riprese per il “TgOz”. Il CampobaseOz è reso possibile grazie al lavoro di tutto lo staff di CasaOz, al supporto dei volontari e al sostegno di Anghingò Onlus e delle aziende Gelati Pepino 1884 e Eataly.

 

 

 

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo