logo san paolo
domenica 16 gennaio 2022
 
 

Eucaristia, dove ogni uomo è un fratello

06/09/2011  Appassionato intervento del cardinale Dionigi Tettamanzi, al Congresso Eucaristico in corso ad Ancona, in uno dei suoi ultimi incontri come arcivescovo di Milano.

Con l’inaugurazione del Centro caritativo intitolato al beato Gabriele Ferretti (in via Astagno 74 ad Ancona), il Congresso eucaristico ha offerto alla città ospitante un concreto segno di amore fraterno. Sarà gestito dall’associazione onlus Santissima Annunziata ed è rivolto a persone in difficoltà, senza fissa dimora, con problemi legati a disagi di tipologie diverse.

Nella medesima dimensione, l’arcivescovo Menichelli si è recato oggi in visita nel reparto di pediatria dell’ospedale cittadino Salesi e ha accompagnato fra i detenuti della Casa circondariale di Montacuto (periferia est di Ancona) un gruppo di giovani con la Croce proveniente da Madrid. Sotto l’aspetto spirituale, due celebrazioni eucaristiche hanno segnato l’odierna giornata.

A Loreto il cardinale Angelo Comastri, a lungo prelato del santuario della Santa Casa, ha proposto tre significative testimonianze di come l’Eucaristia possa trasformare le persone. Descrivendo le luminose figure di Nino Baglieri, Benedetta Bianchi Porro e Maria Respigo, l’attuale arciprete della basilica di San Pietro ha mostrato quanto la donazione della sofferenza sia capace di trasformare i cuori. Come diceva madre Teresa di Calcutta, ha ricordato il cardinale Comastri, «sfido chiunque a trovare un egoista felice».

Ad Ancona il cardinale Dionigi Tettamanzi (che già fu arcivescovo diocesano), in uno dei suoi ultimi incontri pubblici prima di passare il testimone della diocesi milanese al cardinale Angelo Scola, ha presieduto la celebrazione nella cattedrale di San Ciriaco, prima della solenne Via crucis, con i quadri animati dell’associazione Europassione per l’Italia, nel centro storico della città.

«Nella fragilità della sottile ostia consacrata si nasconde la potente forza della misericordia del Signore, l’abbraccio tenerissimo di Cristo risorto», ha affermato. Ricordando poi che «nell’Eucaristia possiamo sentirci ed essere realmente fratelli di ogni uomo che incontriamo nel cammino della vita e che cerca insieme a noi conforto, solidarietà, fiducia, speranza».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo