logo san paolo
mercoledì 14 aprile 2021
 
 

Eva Klotz: "Bolzano via dall'Italia"

20/09/2011  Figlia del celebre irredentista sudtirolese Georg, proclama il distacco dell'Alto Adige dal Paese e raccoglie firme per un referendum

Eva Klotz
Eva Klotz

L’Alto Adige come la Catalogna? Non proprio, ma la regione autonoma spagnola è attualmente il modello cui si ispira il partito indipendentista sudtirolese della Südtiroler Freiheit, fondato da Eva Klotz, che da gennaio, nei comuni della Valle Aurina - la valle al confine con l’Austria dove il partito è più radicato - sta portando avanti una consultazione referendaria che si concluderà a novembre e che chiede ai valligiani se desiderino l’autodeterminazione dell’Alto Adige-Sud-Tirolo.

Tradotto in parole semplici: “un futuro senza Italia”, uno degli slogan del movimento della Klotz. Figlia di Georg Klotz, il “martellatore della Val Passiria”, protagonista agguerrito dell’irredentismo sudtirolese, Eva - lunga treccia di capelli che non taglia da quasi mezzo secolo e che reciderà solo nel momento in cui l’Alto Adige non sarà più territorio italiano - è persona che ha il pregio di parlare chiaro. “L’autodeterminazione è un diritto riconosciuto dalle Nazioni Unite e di cui noi sudtirolesi, che non siamo italiani e non ci siamo mai sentiti tali, vogliamo avvalerci”, chiarisce la politica sudtirolese.  Altri esempi cui ispirarsi nella secessione dallo Stato italiano, oltre alla Catalogna, sono la Repubblica Ceca e la Slovacchia o, addirittura, il Kossovo. La possibile e potenziale violenza che un distacco dall’Italia potrebbe causare non frena la Klotz e il suo movimento. “Se l’esercizio di un diritto come quello dell’autodeterminazione dei popoli dovesse essere inibito dal timore di violenze, sarebbe una ragione in più per staccarsi dall’Italia”, aggiunge.

L’Autonomia di cui gode l’Alto Adige, frutto di un lungo confronto tra Italia e Austria, “è stata una soluzione di passaggio che non basta più”, afferma la Klotz che, cita le proposte di Francesco Cossiga sul distacco della provincia di Bolzano dal resto del Paese e vede il referendum come un “formidabile strumento per dare forma alla volontà di indipendenza dall’Italia e rafforzare l’identità tirolese, messa in pericolo dall’assimilazione continua da parte dello Stato italiano”. Se poi l’AltoAdige-Sud Tirolo debba ricongiungersi con il Tirolo austriaco o trasformarsi in uno Stato sovrano è un’opzione aperta e quasi secondaria: l’importante è staccarsi da una nazione, quella italiana, vista sull’orlo della bancarotta e che, in un ipotetico tracollo, rischia di trascinare a fondo anche la virtuosa provincia di Bolzano.  

“Si tratta di una consultazione senza valore giuridico né statistico”, spiega il professor Francesco Palermo, bolzanino, costituzionalista e docente all’Università di Verona,” è una manovra politica, lecita, già attuata dagli indipendentisti catalani lo scorso giugno”. In realtà il principio dell’autodeterminazione, contenuto nel Patto delle Nazioni Unite sui Diritti politici e sociali, non garantisce alcun diritto al distacco di un territorio da uno Stato. “Non esiste alcuna interpretazione giurisprudenziale internazionale in tal senso”, chiarisce Palermo. La sentenza più nota in questo campo è quella emessa dalla Corte Suprema del Canada che esclude l’obbligo dell’autodeterminazione, tranne nei casi di dominazione coloniale o di palesi violazioni dei diritti della minoranza, casi ben diversi da quello dell’Alto Adige.

“Il processo referendario impostato in Catalogna ha un carattere di inclusività, ovvero è catalano chi sente di esserlo e vive nella regione, mentre nel caso del referendum del movimento della Klotz, gli italiani sono sostanzialmente esclusi”, sostiene il docente universitario. “La secessione costituzionalmente guidata potrebbe essere l’unica soluzione cui la Klotz potrebbe eventualmente appellarsi”, conclude Palermo, “ma dovrebbe essere comunque il frutto di una lunga trattativa tra lo Stato italiano e il territorio e ottenere anche l’assenso maggioritario di tutti i gruppi linguistici di questa terra, non solo dei tedeschi, ma anche dei ladini e degli italiani dell’Alto Adige”. 

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%