logo san paolo
venerdì 15 novembre 2019
 
 

Evasione, frodi, lavoro nero: l'Italia domina le classifiche

24/10/2013  L'evasione fiscale ci costa 189 miliardi l'anno. E il lavoro nero 340. Non abbiamo rivali in Europa e nel mondo ci tengono testa solo Messico e Turchia.

La Guardia di Finanza (Ansa).
La Guardia di Finanza (Ansa).

Le stime più recenti, ormai, sono concordi. Nello scorso ottobre il presidente della Corte dei Conti, Luigi Giampaolino, basandosi anche su dati Ocse, aveva indicato alla Commissione Finanze del Senato questa cifra: 180 miliardi di euro l'anno. A tanto ammonta l'evasione ed elusione fiscali degli italiani. Quella valutazione è stata confermata all'inizio dell'estate 2013 dal Centro Studi Krls Network of Business Ethics in un'indagine svolta per l'Associazione Contirbuenti Italiani: 180,9 miliardi di euro. Il che fa dell'Italia il Paese in Europa con il maggior carico di evasione fiscale, primatista assoluto in frodi fiscali, e uno dei primissimi al mondo: secondo il presidente giampaolino, solo Messico e Turchia ci superano.

Ma non basta. Sempre secondo l'indagine Krls Network, l'Italia ha anche un altro primato: quello del "sommerso", detto anche "economia in nero", fuor di definizione: economia illegale. Equivale, il nostro "nero", al 21% dell'economia legale, per un valore annuo di 340 miliardi. Ovunque in Europa lo stesso dato è più basso: 20,8% in Grecia, 19,1% in Romania, 18,7% in Bulgaria, 17,2% in Slovacchia e così via calando.

L'evasione fiscale in Italia, dunque, non è un problema tra i tanti; dal punto di vista economico, è il problema dei problemi. Per tante ragioni. La prima, la più evidente, è la mera quantità di risorse sottratta al mercato e alla ripresa economica del Paese. La seconda è che, come più volte sottolineato dal Gafi (l'unità dell'Ocse incaricata di combattere il riciclaggio di denaro), l'evasione fiscale è il primo presupposto del riciclaggio di denaro sporco. Terza: il denaro riciclato è il motore di tutte le più gravi e pericolose attività criminali.

Ma il disastro fiscale e finanziario italiano ha altre due caratteristiche. Le grandi cifre dell'evasione sono prodotte da industria, banche e assicurazioni, che insieme fanno quasi il 65% del totale. Si ha invece la sensazione che l'opera di recupero dell'evasione negli ultimi tempi abbia avuto maggiore successo quando esercitata sulle attività di media o piccola portata.

L'altra caratteristica è questa: i tassi di evasione delle Regioni del Sud (vedi tabella) sono in media il doppio di quelli delle regioni del Nord. A parte l'ingiustizia, la sensazione di molti è che, senza l'evasione fiscale, il Sud diventerebbe in breve tempo, dal punto di vista economico, una specie di deserto. Una forma di assistenzialismo crimonogeno e incapace di generare sviluppo, ma anche una questione difficilissima da risolvere visto che le norme Ue vietano di stabilire aliquote fiscali differenziate da regione a regione.

REGIONE
€ evasi
ogni 100 versati
MOLISE
64,47
BASILICATA
64,47
PUGLIA
60,71
CAMPANIA
59,77
SICILIA
56,86
CALABRIA
52,7
SARDEGNA
47,81
ABRUZZO
41,73
FRIULI V.G.
37,4
LAZIO
36,36
V. D’AOSTA
34,15
MARCHE
34,15
UMBRIA
34,15
PIEMONTE
29,52
LOMBARDIA
27,99
TOSCANA
27,76
EMILIA R.
27,73
VENETO
24,26
LIGURIA
23,05
TRENTINO A.A.
20,31

Fonte: Unità di Informazione Finanziaria / Banca d'Italia

PAESE
Tasse evase (Miliardi di €)
ITALIA
180,257
GERMANIA
158,736
FRANCIA
120,619
REGNO UNITO
74,032
SPAGNA
72,709


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 88,40 € 52,80 - 40%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%