Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 luglio 2024
 
 

Exit

16/03/2011  Ilaria D'Amico torna a occuparsi di mafia

Da Nord a Sud, a che punto è la lotta alla criminalità organizzata? Nei giorni in cui l’Italia festeggia il suo 150° anniversario dell'Unità Exit ne racconta il volto più oscuro. Si parte dalla Sicilia, con un racconto della terra dell’ultimo boss invisibile di Cosa Nostra: Matteo Messina Denaro.  Ricercato dal ’93, ancora controlla il suo territorio, quello della provincia di Trapani. Exit è andato in quei luoghi a ricostruire chi è Messina Denaro, dove si è nascosto e chi lo protegge. L'inchiesta svela l’altro volto della mafia che, sostituendosi all’economia “onesta” e distribuendo posti di lavoro, costruisce il suo consenso.

Dalla Sicilia ci si sposta poi al Nord e in particolare a Bordighera, in Liguria, dove proprio pochi giorni fa il comune è stato sciolto per infiltrazioni della ‘ndrangheta. Un viaggio in un’Italia che soccombe alle nuove logiche mafiose, quelle che, come ha ricordato anche il Governatore delle Banca di Italia, Mario Draghi, stanno divorando il nostro Prodotto Interno Lordo e le nostre imprese. Ilaria D’Amico ne discuterà, tra gli altri con i suoi ospiti Roberto Scarpinato, procuratore generale presso la Corte di Appello di Caltanissetta, Alfredo Mantovano, Sottosegretario al Ministero dell'Interno, Lirio Abbate, Giornalista de “l’Espresso”.

Mercoledì 16, 21.10 - La7

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo