Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
I protagonisti della musica
 

Ezio Bosso, musica e impegno sociale con Mozart14

19/05/2017  Ezio Bosso è uno dei più popolari musicisti italiani nel mondo, amatissimo da un pubblico sterminato. Alessandra Abbado gli ha chiesto di diventare Ambasciatore e Testimone internazionale dell’Associazione Mozart14, erede dell’impegno sociale di suo padre Claudio Abbado.

Ezio Bosso è uno dei più popolari musicisti italiani nel mondo, amatissimo da un pubblico sterminato. Solista, compositore eclettico (dalla musica da camera a quella per balletti, fino alle colonne sonore per Salvatores), direttore d’orchestra,

Bosso è stato applaudito ovunque. Nel 2011 ha scoperto di essere affetto da una malattia neuro-degenerativa progressiva. Ma la musica e la sua forza d’animo sono state più forti. Nel 2016 è tornato sul podio di grandi orchestre e teatri. Ora per “la sua innata vocazione di divulgatore, e per la sua fede nel bello che può migliorare la vita di chiunque”, Alessandra Abbado gli ha chiesto di diventare Ambasciatore e Testimone internazionale dell’Associazione Mozart14, erede dell’impegno sociale di suo padre Claudio Abbado.

Cosa è Mozart14?

“E’ un’Associazione di Promozione sociale” - spiega la figlia del grande maestro - che organizza importanti iniziative volute da Claudio (così chiama il papà, ndr) all’epoca dello sviluppo dell’orchestra Mozart: come il progetto Tamino che aiuta con la musicoterapia i piccoli pazienti del Policlinico Sant' Orsola-Malpighi di Bologna, o il coro di uomini e donne Papageno nella Casa Circondariale Dozza di Bologna. Di nuovo c’è il progetto Leporello con i ragazzi reclusi nel carcere minorile del Pratello di Bologna e il Coro Cherubino che accoglie bambini e adolescenti, anche disabili”. E’ anche una battaglia civile la vostra: “Sì. E finalmente qualche cosa si sta muovendo per esempio nel  riconoscimento della musicoterapia come vera pratica clinica. I benefici della musicoterapia del resto sono dimostrati dagli scienziati da decenni ed a breve presenteremo gli esiti di una ulteriore ricerca. Stiamo anche accordandoci con alcuni reparti di ospedali di Torino e Palermo per praticarla. Così come stiamo organizzando dei cori di mamme che si radunano spontaneamente dopo aver constatato quanto bene faccia la musica ai loro bimbi prima e subito dopo la nascita”.

Chi vi sostiene?

 “Purtroppo Mozart14 difficilmente interessa agli sponsor: non fa eventi. Anche se nei prossimi giorni avremo un fitto programma di impegni: il più importante sarà sabato 17 giugno con un concerto aperto alla città del Coro Papageno al carcere della Dozza (segreteria@mozart14.com per le prenotazioni entro il 25 maggio). La nostra Associazione per fortuna è ora riconosciuta per cui può essere oggetto della destinazione del 5 per mille”. (Il codice fiscale è: 03331141204).

E come è nato il sodalizio con Ezio Bosso? 

“Ezio è per me uno dei tanti fratelli che la musica mi ha regalato.  Prima di diventare un eccellente direttore lavorava con la European Chamber Orchestra creata da mio padre. E per Claudio tutti i musicisti erano come figli e quindi come miei fratelli. Dopo la malattia che gli ha cambiato la vita Ezio e mio padre si sono ritrovati. Ed insieme hanno combattuto le loro battaglie per rinascere (Abbado aveva sconfitto il cancro, grazie alla musica, ndr). Si era creata una grande affinità fra i due. Ed ora io l’ho ritrovato. Lui darà visibilità alla Mozart14, ne parlerà a tutti”.

Bosso sarà anche uno degli animatore di Trame Sonore (31 maggio – 4 giugno) a Mantova: 180 eventi (di mezz’ora massimo), 400 musicisti, compresi tantissimi incontri dedicati a bambini e famiglie (www.mantovachamber.com). Bosso salirà sul podio dell’Orchestra da Camera di Mantova l’1 giugno e dialogherà col pianista Luca Ciammarughi e col pubblico il mattino del 2. A Trame sonore debutterà anche la Simon Bolivar Sinfonietta, un’orchestra di giovani formata da elementi provenienti dal grande Sistema di orchestre del Venezuela attivi in tutta Europa e decisi ad intraprendere nuovi progetti di divulgazione.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo