logo san paolo
mercoledì 20 ottobre 2021
 
Spese militari
 

F-35, «Cara Ministra, non nascondere i contratti»

21/09/2014  La Campagna “Taglia le ali alle armi” contesta la responsabile della Difesa Pinotti che, dice l’associazione, non rende noti gli accordi sull’acquisto dei cacciabombardieri. Tra pochi giorni i parlamentari sono chiamati a decidere. «La necessità di trasparenza a nostro avviso deve essere massima se riferita a programmi pubblici così delicati e così costosi, anche per dare al Parlamento strumenti utili a prendere una decisione», sostengono gli analisti della Campagna.

«Sugli F-35 smentisco categoricamente che il Governo abbia disatteso quanto deciso dalle mozioni approvate dal Parlamento nel giugno e luglio 2013». Queste le dichiarazioni della ministra della difesa Roberta Pinotti, durante la seduta di “question time” svoltasi venerdì in Senato. Parole molto dirette, che però non bastano a mettere la parola fine su un dibattito in corso da mesi.

Secondo la campagna “Taglia le ali alle armi”, infatti, i dati forniti dal Governo circa i contratti d'acquisto dei cacciabombardieri F-35 continuano a essere insufficienti e lacunosi: un tema così delicato e controverso – rimarcano gli analisti della Campagna – esigerebbe ben altri chiarimenti.

Stando alle affermazioni della ministra Pinotti «una serie di altre domande trovano risposta nella relazione che il Governo ha fatto il 24 giugno presentando il “Documento di programmazione pluriennale”. In questo programma si trova tutto: a che lotto siamo, che numeri ci sono, quali sono i contratti firmati. Basta andare a riguardare la relazione fatta al Parlamento».

Puntuale la replica di “Taglia le ali alle armi”, diffusa in queste ore attraverso un comunicato: «Il Documento programmatico pluriennale della Difesa non riporta che alcune indicazioni generali e pure gli allegati tecnici della Difesa al Bilancio dello Stato contengono solo informazioni sulla situazione al 31 dicembre 2012, cioè a oltre un anno e mezzo fa. In entrambi i testi non si declinano gli accordi sottoscritti in questi anni con gli Stati Uniti».

Quanto poi all'ipotesi che il Governo abbia sottoscritto nuovi contratti con la Lockheed Martin (la multinazionale produttrice dei caccia) nell'autunno 2013, violando così le indicazioni del Parlamento, gli analisti ricordano che «tale ipotesi era stata avanzata a seguito di informazioni ufficiali del Dipartimento della Difesa statunitense. Secondo queste informazioni l’Italia avrebbe formalmente sottoscritto accordi per lotti e avanzamenti successivi a quelli già completati e decisi al tempo delle mozioni della Camera». Dunque molti degli interrogativi sul programma militare più costoso della storia (la spesa per l'Italia è stimata intorno ai 14 miliardi di Euro, ma in realtà la cifra potrebbe essere ben superiore) sembrano ancora lontani dal trovare risposta.

Al di là di qualunque opinione (più o meno pacifista) le obiezioni sollevate in questi mesi dalla campagna “Taglia le ali alle armi”, che proprio della trasparenza ha fatto il suo punto di forza, non si possono liquidare come una sterile questione di puntiglio. «A noi non interessa fare una polemica politica sui tempi delle scelte e su eventuali non ottemperanze delle mozioni parlamentari», osserva Francesco Vignarca, coordinatore Rete Italiana Disarmo, «ma poter conoscere con certezza costi, tempi e prospettive di acquisizione degli F-35».

Anche perché sul tavolo ci sono decisioni urgenti da prendere. Nei prossimi giorni infatti la Camera sarà chiamata a votare alcune mozioni riguardanti gli F-35: le più drastiche (come quella presentata da Sel) vorrebbero l'uscita immediata dell'Italia dal programma Joint Strike Fighter. Il Pd si è invece espresso per un dimezzamento della spesa complessiva. In vista di un voto dall'esito tutt'altro che prevedibile, le tante realtà disarmiste della Campagna ribadiscono la «necessità di trasparenza che a nostro avviso deve essere massima se riferita a programmi pubblici così delicati e così costosi, anche per dare al Parlamento strumenti utili a prendere una decisione».

Multimedia
La salute o un “sano” F-35? Il video di “Taglia le ali alle armi” ed Emergency
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%