Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
Social network
 

Facebook, per esserci molti bambini mentono sull'età

18/09/2015  Tre quarti dei bambini, tra i 9 e i 10 anni, usa lo smartphone per accedere ai social network e avere un profilo su Facebook. Significa che mentono sull'età, perché per iscriversi al "social" fondato da Zuckerberg bisogna avere almeno 13 anni. E purtroppo questo avviene con il consenso delle famiglie, forse ignare del limite di età e dei rischi che corrono i figli.

In tutte la famiglie ormai il ragazzino di casa, che se è nato dal 2001 in poi è ufficialmente un nativo digitale, vive stringendo tra le mani il suo smartphone ed è eternamente in connessione con il complesso mondo del web.  Tra le continue lamentele dei genitori e la difficoltà di allontanare il figlio da quell'oggetto che lo tiene costantemente in contatto con la realtà virtuale e con gli amici  e la certezza che dobbiamo imparare a non demonizzare tutto ciò che non conosciamo, teniamo comunque presenti i dati che  una ricerca promossa da Tim e Family Online Safety Institute (Fosi) e realizzata su un campione di 350 adolescenti.

 L'88% degli adolescenti italiani tra i 9 e 17 anni accede dallo smartphone ai social network e a Whatsapp almeno una volta al giorno, facendo dunque aumentare l'esposizione a contenuti violenti e razzisti e al sexting (scambio di messaggi di natura sessuale). Relativamente poco diffuso è invece il bullismo (ne è stato vittima il 9% degli intervistati), ma è l'esperienza più dolorosa per i ragazzi. La percentuale di coloro che accedono dal cellulare ai social e alle chat almeno una volta al giorno sale al 94% nella fascia di età 13-14 anni e arriva al 95% in quella 15-17 anni.

 Allarmante il dato sui bambini di 9-10 anni (i tre quarti usa lo smartphone per connettersi a questi programmi e, in misura minore, per andare su Youtube). Colpisce il fatto che questa cifra mostra quanti bambini, probabilmente in accordo con i genitori, mentono sull'età per poter aprire un profilo. Infatti le regole dei social più frequentati sono molto chiare: per iscriversi a Facebook bisogna avere almeno tredici anni e sedici per WhatsApp.  Non è una notizia, è un dato stranoto e  facile da verificare ma probabilmente a nessuno, nè alle famiglie nè ai gestori, interessa realmente arginare l'esercito di bambini  iper connessi.  

La ricerca mette comunque in evidenza i rischi legati a questa forte frequentazione della rete: oltre alla violenza e al razzismo che serpeggia in rete preoccupa, come dicevamo il il sexting (lo scambio di messaggi di natura sessuale): un situazione a rischio che cresce al crescere dell'età, coinvolge in particolare  le ragazze e avviene soprattutto su Facebook.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo