logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
 

Le famiglie hanno perso la pazienza

27/07/2011  Pubblichiamo il Primo Piano di Famiglia Cristiana da oggi in edicola. Con l'intervento di Mario Sberna, presidente delle Famiglie numerose.

Le famiglie sono sul piede di guerra. Pronte a marciare su Roma. E accerchiare i Palazzi del potere con figli e carrozzine. Un nuovo Family Day. Per chiedere conto delle tante promesse non mantenute. E del milione di firme raccolte. Ma, questa volta, per i politici è consigliato evitare la passerella. La pazienza ha superato ogni limite. Ai danni di una fallimentare politica familiare (da sempre, con tutti i Governi), ora si sono aggiunte le beffe. Nonostante il sottosegretario Gianni Letta, non più tardi del 15 giugno scorso, si fosse premurato di far sapere che «un consistente “pacchetto” di disposizioni in favore delle famiglie numerose potrebbe essere incluso nella manovra». Se c’è ancora un sottosegretario alla Famiglia, batta un colpo. Il Piano presentato al Consiglio dei ministri non basta, se è solo sulla carta. Altrimenti, dia quelle dimissioni più volte annunciate e mai arrivate.

     È giusto, allora, dare la parola al presidente delle Famiglie numerose, Mario Sberna, che esprime la “rabbia” di tanti associati.

     «Con l’approvazione al Senato e la fiducia alla Camera», scrive, «la manovra vacanziera, partorita e approvata in poche ore, arriva a conclusione. Sono ormai annoverati nel trapassato remoto sia il Family Day che le promesse elettorali, che assumono sempre più l’aspetto di invereconde menzogne. Senza tema di smentita, si può affermare che questo Governo ha fallito miseramente sul fronte a noi più caro. E più caro al Paese: la famiglia. Tra festini veri o presunti e allegre mangiate, tra costi della politica sempre più alti e poltrone sempre più morbide, sono passati anni preziosi nei quali, correndo dietro per mesi a leggine che a noi non servono (ma che tanto sembrano fatte ad personam) e fantomatici federalismi e falò, il debito pubblico è aumentato, migliaia di posti di lavoro persi, impoverito ancora di più imprese e famiglie, aumentato le tasse e le imposte, ridotto i servizi, precarizzato i giovani, denigrate le donne, gettato nella disperazione centinaia di migliaia di persone.

     «L’annunciato taglio lineare (l’ennesimo, perciò iniquo e dannoso) partorito dal ministro Tremonti, pari al 5 per cento nel 2013 e al 20 per cento (!) nel 2014, aumenterà ancora di più povertà e disperazione. Soprattutto a chi ha investito nel futuro del Paese: le famiglie numerose. Si taglieranno le detrazioni e deduzioni inserite nella denuncia dei redditi (farmaci, mutui, spese mediche e scolastiche), dopo i tagli già partoriti.

     «Non si taglierà nulla a politici e affini, che continueranno a lavorare poco e guadagnare troppo. Come un ministro, che di professione faceva il commercialista, non capisca i danni che provoca proprio a chi è nel maggior bisogno, è un caso serio. Come si riesca a togliere nulla a chi ha già tanto, è un caso altrettanto serio. Adesso basta! Le famiglie numerose italiane non ne possono più.

      «Abbiamo investito nell’unico futuro possibileper questo Paese: i figli. E questo futuro, il bene più prezioso per la nazione, viene violentemente impoverito, abbandonato, umiliato. Come rinnovare immediatamente la classe politica e lasciarsi alle spalle questo ventennio e tutti i suoi pessimi protagonisti, è l’unico caso da prendere, seriamente, inconsiderazione».

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo