Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
 

Giovani: ci sono anche quelli che ci provano

21/03/2012  Si parla troppo dei giovani ressegnati e spettatori della crisi. Non è così. Sono numerosi quelli che si impegnano, ci provano e ci riescono.

In un momento in cui il posto di lavoro e la possibilità di trovarlo e di mantenerlo è sicuramente la principale preoccupazione degli italiani può sembrare un paradosso parlare di festa, famiglia e lavoro. Infatti per poter gioire delle prime due è necessario possedere il terzo. E, in particolare per i giovani, la strada per trovare un impiego, anche dopo studi e qualificazioni non è certamente facile da percorrere. Tuttavia nonostante le sempre più numerose ricerca tendano a descrivere i giovani di oggi come in ritardo, nelle varie tappe della vita, rispetto ai coetanei delle generazioni precedenti o addirittura rassegnati rispetto alle opportunità e al futuro, i sociologi Franco Garelli e Roberta Ricucci all'interno del mensile Famiglia Oggi (La famiglia: il lavoro e la festa, n. 2/2012) offrono anche un punto di vista positivo.

Essi  spiegano, infatti, che: «Accanto ai giovani rassegnati o disorientati, ve ne sono altri. Quelli delle eccellenze, che vincono le olimpiadi di matematica o si trovano a loro agio fra universi linguistici diversi; quelli dell’impegno sociale, che rinfrescano e portano nuova linfa al lavoro delle istituzioni e del privato sociale a livello locale; o ancora, le migliaia di giovani che ogni anno emigrano dal loro contesto in cerca di nuovi stimoli e prospettive, approdando dal Sud in altre regioni italiane acreditate di maggior sviluppo, o che lasciano per qualche tempo l’Italia in vista di esperienze di studio e di lavoro all’estero».

Si tratta della "generazione Erasmus" e in tal modo ci riferiamo non solo a tutti quei ragazzi che grazie all'università possono approfondire i propri studi in un paese straniero, ma anche a tutti coloro che per necessità e a causa del nostro sistema lavorativo poco accogliente devono emigrare e affermare le proprie capacità lontano dall'talia.

Ma oltre ai migranti e ai viaggiatori, Garelli  e Ricucci, ricordano tutti quei ragazzi che restano e ci provano «Sono giovani imprenditori, studenti brillanti, ragazzi e ragazze coinvolti nei diversi volti della società civile; soggetti alla continua ricerca di opportunità formative e di lavoro sia vicine che lontane, esigenti con se stessi e con gli altri, che scandagliano ciò che offre l’ambiente per cogliere le sfide più interessanti. Esempi di una generazione che dimostra di voler stare sulla scena da protagonista e non da spettatore nei diversi ambienti della società, facendo scelte di vita fondate su valori etici, morali o religiosi spesso non rispecchiate in una pubblicistica che guarda incredula a chi di questi tempi scommette su una propria famiglia con figli, si dichiara religiosamente impegnato, sceglie una vita rispettosa dell’ambiente, dei diritti, della legalità».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo