logo san paolo
giovedì 09 luglio 2020
 
Conferenza sulla famiglia
 

Dal Governo molte lodi ma solo qualche promessa

28/09/2017  Alla terza Conferenza sulla famiglia, tenutasi a Roma e organizzata dal Governo, apre i lavori il premier Gentiloni definendo la famiglia "un pilastro" e riconoscendole di avere supplito il Paese durante la crisi. Ma per ora sembra non promettere granché per sostenerla.

Chissà perché se si parla di famiglia il tema è sempre quello della povertà. Come se la famiglia non fosse un valore a prescindere e quindi da tutelare ricca o povera che sia. Ma così è per la politica italiana. Il premier Gentiloni questa mattina all’apertura della misconosciuta Conferenza sulla famiglia (per ora la stampa nazionale preferisce non nominarla se non per le polemiche riguardanti le famiglie arcobaleno che non sono state invitate), ha promesso una misura per la lotta alla povertà nella prossima manovra: «Da gennaio il reddito di inclusione sarà uno strumento importante nella lotta alla povertà e nella prossima legge di bilancio puntiamo ad arricchirlo ma certo è stato fatto un passo avanti nella giusta direzione».  E il ministro Padoan ha ricordato che «per la prima volta l'Italia si è dotata della “legge delega sulla povertà”, strumento dotato di risorse ancora insufficienti. Vedremo, negli ambiti molto ristretti della legge di bilancio, in che modo questi vincoli possano essere allentati».

Questo è quello che per ora offre il Governo. Nessuna apertura o accenno al “fattore famiglia”, a quella proposta di equità fiscale che sosterrebbe davvero tutte le famiglie.

D’altronde durante questa prima giornata si chiede realismo e si consiglia di sperare solo in quello che si può effettivamente avere. «Credo che a mano a mano che usciamo dalla fase più dura della crisi economica potremo fare progetti più ambiziosi per sostenere le famiglie anche se c'è stato un sforzo degli ultimi governi. Di tutto abbiamo bisogno tranne di un conflitto generazionale. Ma un patto intergenerazionale non si fa ai tavoli del governo ma valorizzando il ruolo delle famiglie» ha continuato Gentiloni. Il premier ha poi evidenziato che in questi anni di crisi la famiglia ha spesso fatto da supplente allo Stato:  «Negli ultimi 10 anni la tenuta del nostro sistema paese è stata assicurata da alcuni pilastri fondamentali e tra questi certo dalle nostre famiglie. Quella trama dei decenni del dopo-guerra di una comunità che aveva punti di riferimenti nella famiglia e anche in diversi corpi sociali si è andata scemando e la famiglia è stato ancoraggio fondamentale... un fattore fondamentale di coesione».

ha invitato anche a limitare nei giusti confini la funzione di supplenza della famiglia «un pizzico di supplenza è anche benefico ma dobbiamo irrobustire le politiche pubbliche». Tra le misure degli ultimi governi, ha citato il fondo per l'autosufficienza, le misure per «migliorare le condizioni per chi fa dei figli nel lavoro», i congedi parentali, l'intervento contro «lo scandalo delle dimissioni in bianco».

«Intervento decisamente lucido quello del presidente »: è il commento di Gigi De Palo, presidente del Forum delle associazioni familiari. «Sappiamo tutti però che se non si aiuta la famiglia, questo Paese muore. Dal premier e dal governo, oltre a belle parole, ci aspettiamo immediate misure già in questa legge di stabilità. Forse è davvero l'ultima possibilità per la vita delle famiglie e per la credibilità della politica italiana».

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%