Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
 

Famiglia, una rete di alleanze

14/09/2013  I lavori degli otto gruppi di studio. La parola passa ai delegati. Dalla missione educativa ai problemi legati all'eclissi del welfare. Passando da cosa significa abitare la città alla faticosa costruziuone di una società multirazziale, multiculturale e multireligiosa.

“Oggi la famiglia è costretta a fare i salti mortali per comporre le tessere di un puzzle che non combaciano mai”. Lo ha detto Elisabetta Carrà, docente di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università Cattolica di Milano, che ha aperto il pomeriggio di “plenaria” al Teatro Regio di Torino. “Considerare l’individuo come una persona è un paradosso per la società odierna”, ha affermato la relatrice, secondo la quale spesso “anche la Chiesa è ancora molto legata a una visione di famiglia in cui è facile trovare l’integrazione tra diversi percorsi”. Nelle nostre comunità ecclesiali, secondo Carrà, a livello pastorale “si continua a preoccuparsi degli individui, frammentando gli interventi in tanti rivoli”. “Accanto alla strenua difesa dei valori - ha osservato - nella Chiesa manca ancora una reale capacità di fare delle famiglie l’elemento trainante in tutti gli interventi pastorali”. “Le famiglie - ha concluso - dimostrano la vitalità della società civile che va nella direzione di un welfare sussidiario”.

Stamane si sono riuniti gli otto gruppi di lavoro. Si ragiona su diversi aspetti, dalla missione educativa della famiglia all'alleanza con la scuola, dal difficile rapporto con il mondo del lavoro alla pressione fiscale che rischia di soffocare le famiglie ai problemi legati all'eclissi del welfare, dalla faticosa ma indispensabile e meritoria costruzione di una società multirazziale, multiculturale e multireligiosa a ciò che significa abitare la città. Domani le conclusioni affidate ai coordinatori delle otto sessioni tematiche, al sociologo Luca Diotallevi e all'arcivescovo di Cagliari, monsignor Arrigo Miglio, presidente del Comitato sicentifico e organizzatore delle Settimane sociali.

Multimedia
Settimane sociali: grandangolo sulla famiglia
Correlati
Don Sciortino: "Perché aiutare la famiglia è decisivo per la nostra società"
Correlati
Settimane sociali: grandangolo sulla famiglia
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo