Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
La ricerca
 

Famiglie sempre più povere, si rinuncia ai beni primari

22/02/2024  Secondo la ricerca delle Acli i nuclei monoreddito soffrono di più e le guerre e l'inflazione stanno penalizzando più di quanto ha fatto il Covid

Famiglie sempre più povere. Lo certifica, analizzando oltre 600 mila dichiarazioni dei redditi, l’Iref, l’Istituto di Ricerche Educative e Formative delle Acli. Nella ricerca “Povertà, vulnerabilità e disuguaglianza. La nuova sfida dei territori e delle comunità”, presentata il 21 febbraio, emerge che soffrono soprattutto i nuclei che vivono nelle aree più interne del Paese. Cade, così, quello che le Acli definisce «il mito del benessere contadino». E così se in quelli che vengono definiti poli (comune o aggregati di comuni confinanti con offerta di scuole secondarie superiori e almeno un ospedale e una stazione ferroviaria) il reddito si attesta intorno ai 19.600 euro, nelle aree ultra periferiche si scende a 15.800 euro. A rischio povertà sono soprattutto le famiglie monoreddito con carichi familiari, a seguire i vedovi con carichi familiari, i single e i separati con carichi. Si è sopra la soglia povertà, invece, quando si hanno due redditi e si vive in centri dove si può usufruire di servizi pubblici adeguati. Secondo le Acli inflazione e guerra hanno eroso i redditi ancora più della pandemia limitando ancora di più la possibilità di spesa delle famiglie costrette a rinunciare anche a beni primari.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo