Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 aprile 2024
 
 

Vino e... Fare filò nel Triveneto

26/04/2011  Un percorso nel Nordest, dalla Valpolicella al Collio, passando per la Laguna veneziana, per riscoprirne eccellenze e tradizioni, partendo dai grandi vini e dai cibi tipici.

   Quanta vita, quanta storia, quanta tradizione coniugata all'innovazione c'è in ogni calice di vino. Non sempre, mentre lo degustiamo, siamo consapevoli della grandezza e della dedizione da cui sono scaturiti. Per ovviare a questa disattenzione, e rendere ancora più piena la gioia che viene dal bere un buon vino, è stata pensata l'iniziativa "Il vino e...": un triduo di incontri che intendono raccontare le radici culturali di altrettanti grandi vini, vale a dire l'amarone, il cartizze e il friulano, a loro volta espressione dell'eccellenza di tre aree territoriali ben identificate, la Valpolicella, la Laguna veneziana e il Collio.

   Inquadrato nell'ambito del Festival delle città impresa, che lancia la candidatura del Nordest a capitale culturale europea nel 2019, "Il vino e..." si tiene il 28, 29 e 30 aprile. Protagonista del primo incontro, giovedì 28 alle 18.30 alle Cantine Masi Agricola in Valpolicella, è naturalmente l'amarone, i cui segreti verranno illustrati da Sandro Boscaini. Gabriele Ferron terrà una lezione sul riso, mentre Giovanna Zucconi e Michele Serra disserteranno sul vino in letteratura. Il giorno seguente, il 29, alle 19,00, ci si sposta alla Tenuta Venissa recuperata da Bisol, a Mazzorbo Burano. Maestri dell'occasione sono Desiderio e Gianluca Bisol, Roberto Cipresso (oggetto della lezione: il vino Dorona) e Paola Budel (polenta bianco perla, moeche e castrature sono le sue materie d'insegnamento). Saranno Erri De Luca, Giovanna Zucconi e Toni Capuozzo a dialogare sulla riscoperta del gusto. Infine, sabato 30 aprile, alle 17.00, l'appuntamento è a Villa Russiz, a Capriva del Friuli. Marco Simonit e Gianni Menotti introdurranno all'arte della potatura, Emanuele Scarello alla cucina locale. Mauro Corona, Milva Andriolli e Valter Colle rifletteranno sulle radici del territorio e sulle connessioni fra coltura e cultura.

  
Oltre che sulla scoperta o riscoperta dei valori di un "microcosmo" e di una tradizione,  il leit motiv degli incontri è quello del "fare filò", ovvero l'arte di stare insieme, conversare, cantare anche, come facevano i nostri nonni, e come sarebbe bello ricominciassimo tutti a fare, per rendere più umana e piacevole la nostra vita. La manifestazione verrà presentata mercoledì 27 aprile alle 11.30 alla Casa del vino della Vallagarina, a Isera. Tutte le informazioni su www.festivaldellecittaimpresa.it.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo