Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
 

Fattore Famiglia, eppur si muove

17/02/2012  La Lombardia ha approvato un innovativo parametro per tener conto, nella spesa sociale destinata alle famiglie, delle reali condizioni economiche e dei carichi di cura.

Il lavoro ai fianchi del Forum delle Associazioni Familiari nei confronti della politica sta dando i primi frutti. Nei giorni scorsi il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato un nuovo parametro di calcolo per stabilire la quantità di aiuti economici distribuire ai singoli nuclei familiari calcolati sulla base di un parametro, la cui novità consiste nell'aggiungere alle condizioni economiche e al reddito familiare anche altri elementi importanti come il numero di figli, la presenza di anziani o disabili affidati alla cura familiare e la situazione lavorativa degli individui adulti conviventi.

La regione governata da Roberto Formigoni ha inteso così dare il via, essendo la prima Regione ad attuarlo, a una forma di aiuto che consideri la famiglia a tutto tondo, vedendola come un insieme organico, ciascuno dotato di peculiarità uniche, piuttosto che su parametri più generalisti come quelli dell'Isee (Indicatore della situazione economica equivamente). La nuova iniziativa coinvolgerà per un anno 15 comuni lombardi per un investimento iniziale che sarà di 1,5 milioni di euro.

Giudizio positivo del Forum delle associazioni familiari per l'iniziativa. «La proposta che il Forum aveva presentato alla Conferenza nazionale della famiglia a Milano raccogliendo consensi e condivisione dalle parti sociali e politiche è già in corso di recepimento da parte del network delle città a misura di famiglia, con Parma e Roma in testa», si legge in un comunicato, «ed è parte integrante del Piano famiglia che attende l’approvazione definitiva del governo». «Se il bilancio alla fine dell’anno dovesse dare risultati positivi», ha dichiarato Francesco Belletti, Presidente nazionale del Forum, «difficilmente il governo nazionale potrebbe rimandarne l’applicazione sul sistema fiscale».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo