Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
 

Roma, quei poliziotti con la fede (nuziale)...

23/12/2014  Gli agenti di un commissariato hanno ritrovato, tra vari oggetti rubati, una vera con incisa una data: 3 luglio 1955. Attraverso i vecchi archivi cartacei dell'anagrafe matrimoniale, sono riusciti a risalire ai proprietari, che nel 2015 festeggiano 60 anni di matrimonio.

Due nomi, Ennio e Maria Rosaria, e una data, 3 luglio 1955. Incisi all'interno di una fede nuziale, saltata fuori dal gruzzolo di oggetti rubati da tre donne fermate dalla polizia. Quando i poliziotti del commissariato Salario Parioli, a Roma, tra i vari arnesi di scasso e la refurtiva, hanno trovato questo anello, modesto e semplicissimo, si sono resi conto di stringere tra le mani un bene dal valore sentimentale immenso.

Due nomi e una data lontana nel tempo: troppo poco per poter risalire ai proprietari e restituire loro l'anello. Impossibile consultare l'archivio telematico, per il quale c'è bisogno di dati più precisi. Era probabile che quella fede fosse stata appena rubata. Ma dove? A chi? Sarebbe stato più comodo aspettare che, magari, prima o poi qualcuno sporgesse denuncia. «Se ci fossimo arresi, la fede sarebbe andata a finire nel nostro ufficio reperti»,  spiega l'assistente capo del commissariato Edoardo Smiraglia, «insieme a una marea di oggetti che non sono mai stati reclamati dai legittimi proprietari»,

Invece, le cose sono andate diversamente. E a raccontarlo è Smiraglia stesso. «Abbiamo deciso di trovare i proprietari dell'anello. E la strada più rapida ci è sembrata quella di chiedere aiuto al Comune di Roma. Così, abbiamo contattato l'ufficio anagrafe matrimoniale e abbiamo spiegato la situazione e il motivo per il quale volevamo condurre quella ricerca». Il responsabile ha spiegato agli agenti che con quegli elementi a disposizione la ricerca sarebbe stata più lunga e complessa: sarebbe stato necessario andare a spulciare negli archivi cartacei, tra i libroni dell'anno 1955, un lavoro da certosini, come era usanza una volta, quando la tecnologia non era entrata nelle nostre vite. «Così gli impiegati dell'ufficio anagrafe hanno fatto, impiegando tempo e sacrificio anche fisico, perché avevano capito il valore simbolico di quella ricerca. Dopo un lavoro di cinque giorni è saltato fuori il 3 luglio 1955 e, in quel giorno, il matrimonio di due giovani, Maria Rosaria ed Ennio, nati nel 1927».

A quel punto gli agenti hanno recuperato i dati completi dei due coniugi, li hanno rintracciati,  hanno scoperto che quei giovani sposi, oggi 87enni, sono ancora insieme. E il prossimo anno festeggiano 60 anni di matrimonio. «Abbiamo contattato il figlio, che è rimasto a bocca aperta: avrebbe dovuto sporgere lui la denuncia, ma ancora non l'aveva fatto. Non aveva parole per ringraziarci: la polizia era arrivata prima di lui». 

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo