Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
 

Federalismo municipale: cerca il tuo Comune

06/06/2011  A fine maggio sono stati definiti i parametri per i trasferimenti già in vigore dal 2011. Il Fondo di riequilibrio è di oltre 8 miliardi

Il decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo municipale, prevede che ai Comuni sia attribuita una compartecipazione al gettito IVA e prevede l’istituzione di un fondo sperimentale di riequilibrio per realizzare in forma progressiva e territorialmente equilibrata la devoluzione ai Comuni dei tributi immobiliari. I trasferimenti fiscalizzabili ammontano, per l’anno 2011, a 11.265 mln di euro e, per l’anno 2012 e seguenti, a circa 11.070 mln di euro.  

Le entrate dei Comuni sostitutive per gli anni 2011/2013 (fase transitoria) sono composte da:

a) compartecipazione IVA (è distribuita ai singoli Comuni in relazione al territorio su cui si è determinato il consumo che ha dato luogo al prelievo: l’assegnazione avviene sulla base del gettito dell'IVA regionale ed è distribuita in base alla popolazione del comune;    
b) il 30% del gettito dei tributi statali sui trasferimenti immobiliari;    
c) il gettito della componente immobiliare dell'Irpef e delle imposte di registro e di bollo sugli affitti;    
d) il 21,7% del gettito della cedolare secca sugli affitti per l’anno 2011 ed il 21,6% per il 2012.  

Nel fondo sperimentale di riequilibrio (Fsr), istituito per tre anni e, comunque, fino all’entrata in vigore del fondo perequativo, convergono tutti i gettiti di cui alle lettere b), c), d). Le modalità di riparto del FSR sono state stabilite con decreto del Ministro dell’Interno, previo accordo in conferenza Stato Città. L'accordo è intervenuto il 31 maggio 2011.  

Il Fondo sperimentale di riequilibrio ammonta a 8.376 milioni ed è così distribuito:  

Comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti      

1. Un importo pari al 30% del fondo in base al numero di residenti al 31 dicembre 2009;    
2. Un importo destinato a garantire lo stesso livello di trasferimenti statali oggetto di fiscalizzazione attualizzati al 2011.  

Comuni con popolazione superiore ai 5000 abitanti      
1. Un importo pari 30% del fondo in base al numero di residenti al 31 dicembre 2009;    
2. Un importo pari al 10 % del fondo in proporzione al peso di ciascun Comune dei tributi immobiliari devoluti.  

Le spettanze non fiscalizzate sono:      
• Oneri commissioni straordinarie di cui all'art. 144 TUEL (art. 1, c. 704, l. 296/06)    
• Oneri commissioni straordinarie di cui all'art. 144 TUEL (art. 1, c. 706, l. 296/06)    
• Incremento contributo comuni inferiori ai 3000 abitanti (art.1, c.703, l.296/06)    
• Contributo fusione tra enti
• Maggiorazione contributi ordinari sisma Abruzzo (art.2, c. 23, lett c) e d), legge 191 del 2009)    
• Stabilizzazione personale ex ETI (legge 296/06)    
• Interessi passivi mancato pagamento fornitori    
• Trasf. Compensativi addizionale comunale irpef    
• Contributo contrasto evasione fiscale    
• Trasferimenti a singoli enti  

Chi vuole conoscere esattamente che cosa incasserà il proprio Comune può andare a questo link: http://portale.webifel.it/indicatori.do?metodo=spettanzeForm  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo