Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
 

Chiesa 2.0, i primi tweet del Papa

12/12/2012  Alle 12 di oggi il Papa ha cominciato il dialogo con i follower. La cronaca dell'evento e le riflessioni del direttore di Civiltà Cattolica e del nostro esperto, don Marco Sanavio.

Inforca gli occhiali, poi avvicina il dito al tablet poggiato su un tavolino rosso e invia il primo tweet. Uno scroscio di applausi accoglie le prime battute di Benedetto XVI proiettate su un maxi schermo nell'aula delle udienze. «Cari amici, è con gioia che mi unisco a voi via Twitter. Grazie per la vostra generosa risposta. Vi benedico tutti di cuore», il primo tweet viene inviato contemporaneamente in otto lingue dall’account @pontifex.

In passato il Papa aveva mandato brevi testi in occasione della Quaresima, ma questo è il primo tweet del Papa da quando è stato creato il nuovo profilo. Un account seguito già da oltre un milione di follower.

Poco dopo il primo invio Benedetto XVI, oggi assistito da Thaddeus Jones, del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali e da Claire Dìaz-Ortiz, di Twitter, ha risposto alla prima domanda «Come possiamo vivere meglio l'anno della fede nel nostro quotidiano?». La risposta del Papa, già pubblicata, recita: «Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno».

Nel corso della giornata sono state rese note altre due risposte ad altrettante domande. Le tre coppie di domande-risposte sono state selezionate da tre diversi continenti.

Per i prossimi mesi è previsto un tweet a settimana, il mercoledì dopo l'udienza.

Annachiara Valle

Il 3 dicembre Benedetto XVI ha aperto il suo account Twitter ufficiale @pontifex declinato in 7 lingue. Perché? È solamente espressione di un desiderio di “modernità”? In realtà non è affatto così.
La Chiesa ha sempre annunciato il Vangelo attraverso i canali utilizzati in un preciso momento storico. Il 3 dicembre 2012 si connette idealmente al 12 febbraio 1931, quando Pio XI lanciava il suo primo messaggio via radio.
Oggi è il tempo dei social network nei quali i messaggi di senso non possono essere semplicemente “trasmessi”, devo essere “condivisi”. E un tweet può essere retwittato, commentato, entra in un giro di relazione, di condivisione.

Questo è il significato della comunicazione ai nostri giorni. I messaggi di senso oggi passano attraverso i social network, che sono “luoghi di senso”, dove la gente condivide la vita, i desideri migliori e peggiori, le domande e le risposte. Ormai, del resto, molti leader religiosi sono su Twitter. E anche la lista di vescovi e cardinali che hanno da tempo un account Twitter è lunga e importante.
È inutile notare che il Papa (come altri grandi leader mondiali) non “segue” nessun altro su Twitter. Il motivo è non fare preferenze di alcun tipo. Il suo ascolto passerà invece per le domande fatte tramite l’hashtag #askpontifex

Ma perché proprio Twitter?
Già nel suo messaggio per la 46ª Giornata mondiale delle comunicazioni si notava un passaggio chiave: «Nell’essenzialità di brevi messaggi, spesso non più lunghi di un versetto biblico, si possono esprimere pensieri profondi».
Come non pensare a Twitter? Ma come non pensare, se viste in questa prospettiva, anche alle antifone dei Salmi, alle litanie e alle giaculatorie che da sempre accompagnano la preghiera dei credenti? Il Papa così ricorda alla comunicazione nell’ambiente digitale la sua “vocazione” più alta: la brevità come sinonimo di densità.

Antonio Spadaro, Direttore Civiltà Cattolica

Dopo l’apertura dell’account @pontifex il 3 dicembre, oggi, terminata l’udienza generale, è stato inviato il primo cinguettio che ormai fa già parte della storia: 126 caratteri che indicano il desiderio di essere lì, dove sono gli uomini di oggi: “Cari amici, è con gioia che mi unisco a voi via Twitter. Grazie per la vostra generosa risposta. Vi benedico tutti di cuore.”  Il secondo messaggio, seguito a distanza di un’ora, è stata una domanda selzionata tra quelle giunte con l’hashtag #askpontifex: «Come possiamo vivere meglio l’Anno della fede nel nostro quotidiano?».

La risposta, sintetica, in 114 caratteri è giunta subito dopo: «Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno». Il terzo quesito, giunto tre ore dopo il primo tweet, ha fatto riferimento alla fede in Gesù Cristo, difficile da vivere in un mondo senza speranza.

Il Papa ha suggerito di vivere «con la certezza che chi crede non è mai solo. Dio è la roccia sicura su cui costruire la vita e il suo amore è sempre fedele. Con questi messaggi Benedetto XVI ha accettato di entrare nella logica del frammento, di accettare la parzialità indotta dalla sintesi come suo strumento per comunicare all’uomo di oggi. «Comunicare attraverso il frammento significa entrare nella logica del simbolo e non più dell’alfabeto –spiega don Marco Sanavio, esperto di new media e membro del consiglio direttivo dell’associazione Webcattolici- non a caso il primo tweet del Papa non ha comunicato un concetto logico ma l’adesione ad una forma di comunicazione nella quale è importante alimentare un flusso più che dare seguito ad una logica».

Tra le reazioni della rete ci sono i commenti di quanti non concordano con il metodo scelto dal Papa, ovvero di twittare dallo stesso account sia la domanda che la risposta, e i cinguettii ironici di molti. «È il rischio che si corre –continua don Sanavio- quando si decide di stare in mezzo alla gente e il Papa coraggiosamente, non si è sottratto. L’ironia utilizza un codice simbolico che ha come risvolto quello di attirare l’attenzione su di sé. A volte può diventare una richiesta di riconoscimento, quasi uno dicesse “ci sono anch’io qui e ho necessità a cui non ho ancora trovato risposte adeguate”.»

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo