logo san paolo
domenica 20 giugno 2021
 
dossier
 

In festa i musulmani, e i cattolici fanno gli auguri

17/07/2015  Da Milano a Torino, da Venezia a Roma e a Palermo: anche in Italia i fedeli islamici celebrano la chiusura di un mese importantissimo, caratterizzato da preghiera, digiuno ed elemosina. La vicinanza e l'affetto espressi da diversi vescovi. Nel 1991 e nel 2013 scrissero messaggi Giovanni Paolo II e papa Francesco.

A Milano si sono ritrovati di buon mattino al Velodromo Vigorelli: i musulmani sono ritornati nel tempio del ciclismo, che già li ospitò nel 2009. Sempre a Milano ha fatto notizia il caso di un bar, in  via Lomellina, che ha deciso di tenere chiuso a pranzo per permettere ai suoi collaboratori di pregare e far festa. A Torino l'appuntamento, sul presto, è stato al Parco Dora:  per la prima volta è intervenuto anche il sindaco, Piero Fassino, che  ha detto: «Questa è la città di tutti. Lavoriamo ogni giorno per far sentire torinesi tutti coloro che vivono qui».  A Venezia le comunità islamiche si sono ritrovate nella Palestra Edison e in alcune aree all'interno del Parco Catene. Ma iniziative simili si sono registrate in un po' tutta Italia, da Roma a Napoli, da Palermo a Bari.
 
Oggi, venerdì 17 luglio, termina il Ramadan
, il mese che l'Islam dedica a Dio e al prossimo attraverso un cammino di purificazione da percorrere attraverso precise pratiche religiose e sociali come il digiuno, la preghiera, l’elemosina, l’aiuto ai poveri, le visite a parenti ed amici. Quella che si celebra dalle prime luci dell'alba è, in particolare, la festa di  'Id al-Fitr, la fine del Ramadan, appunto.

Alcuni vescovi hanno voluto inviare messaggi di vicinanza e di affetto
ai musulmani che vivono nelle diocesi a loro affidate: in questo dossier segnaliamo le lettere scritte dal cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano,  e da monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino.  Diamo anche conto di un parroco di Como che ha invitato i suoi fedeli a digiunare insieme ai musulmani per la fine del Ramadan, cosa che ha portato la Lega Nord a scatenare l'ennesima polemica.

Prevale ovunque il desiderio di dialogo. Che non tace i problemi, specialmente in quest'anno funestato da attacchi sanguinari dell'Isis. Ma che richiama il dovere, per chi crede in Dio, a  costruire - insieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà - un mondo più pacificato e più giusto. E proprio Cristiani e musulmani: insieme per contrastare la violenza perpetrata in nome della religione è il titolo del Messaggio per il mese di Ramadan e 'Id al-Fitr  firmato dal cardinale Jean-Louis Tauran e da padre Miguel Ángel Ayuso Guixot, rispettivamente presidente e segretario del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso. La violenza non è solo descritta e condannata. È ricondotta alle sue origini religiose, culturali, educative: «C’è pure la responsabilità di coloro che hanno il compito dell’educazione: le famiglie, le scuole, i testi scolastici, le guide religiose, il discorso religioso, i media. La violenza e il terrorismo nascono prima nella mente delle persone deviate, successivamente vengono perpetrate sul campo».

«Secondo san Giovanni Paolo II», prosegue il messaggio, «cristiani e musulmani hanno “il privilegio della preghiera” (si veda il suo discorso ai capi religiosi musulmani, Kaduna, Nigeria, 14 febbraio 1982). C’è grande bisogno della nostra preghiera: per la giustizia, per la pace e la sicurezza nel mondo; per coloro che si sono allontanati dal retto cammino della vita e commettono violenza in nome della religione, affinché possano ritornare a Dio e cambiare vita; per i poveri e gli ammalati. Le nostre feste, tra l’altro, nutrono in noi la speranza per il presente e per il futuro. È con speranza che guardiamo al futuro dell’umanità, in particolare quando facciamo del nostro meglio affinché i nostri legittimi sogni diventino realtà. Con papa Francesco - termina lo scritto -, vi auguriamo che i frutti del Ramadan e la gioia di ‘Id al-Fitr possano portare pace e prosperità, favorendo la vostra crescita umana e spirituale».

E' dal 1967 che il  Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso invia messaggi analoghi. Due eccezioni si sono avute il 3 aprile 1991 (s'era da poco conclusa la prima guerra del Golfo) e il 10 luglio 2013 (Jorge Mario Bergoglio era Papa da pochi mesi), quando Giovanni Paolo II  e Francesco decisero di rivolgere personalmente un messaggio ai musulmani per la fine del Ramadan.

I vostri commenti
16
scrivi

Stai visualizzando  dei 16 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%