Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
chiesa e mass media
 

Festival della Comunicazione, sfida vinta

21/05/2024  Il messaggio conclusivo del vescovo di Pinerolo Derio Olivero a conclusione dell'evento dedicato all'Intelligenza artificiale promosso dalla San Paolo e Paoline e organizzato dalla Diocesi

Monsignor Derio Olivero tra suor Cristina Beffa e don Giuseppe Lacerenza.
Monsignor Derio Olivero tra suor Cristina Beffa e don Giuseppe Lacerenza.

di Derio Olivero

Ho iniziato il Festival della Comunicazione con due sentimenti in cuore. Il primo: ero certo che questi giorni sarebbero stati un regalo per il nostro territorio. Il secondo: temevo che la nostra Città fosse troppo piccola per un evento così importante. Giunti al termine posso dire che il Festival ci ha arricchiti tutti e ci ha dimostrato che il nostro territorio ha molte risorse. Hanno fatto bene a crederci i coordinatori paolini sr. Cristina Beffa e don Giuseppe Lacerenza. È stata per me una gradita sorpresa vedere la passione e il lavoro del gruppo che ha preparato e dei volontari. Sono stati loro l’anima del Festival. Inoltre è stato prezioso il lavoro di squadra: chiesa cattolica, amministrazione, scuole, giornali, associazioni, chiesa valdese, Paolini e Paoline.

Direi che anche il tema è stato un regalo: l'intelligenza artificiale. Ci ha costretti ad aprire gli occhi sul presente, anzi sul futuro. Ci ha costretti a vincere i pregiudizi tramite un paziente lavoro di ascolto e ricerca. Anche la serata di conclusione è stata stimolante. Dopo un tuffo di dieci giorni nella contemporaneità abbiamo provato a chiederci: Dio è ancora attuale? La sala gremita ci ha mostrato che Dio continua a essere interessante. Perché Lui è sempre più "avanti" di noi, della nostra Chiesa. Lui continua ad essere appassionato di ogni uomo e ogni donna che viene al mondo, in tutte le epoche storiche. E le prova tutte per entrare in comunicazione con noi, in ogni tempo. "Stargli dietro" è la nostra grande sfida. La Verità continua ad essere Lui, non noi. La Verità continua ad essere Lui, non la Chiesa. Noi, con passione e umiltà, cerchiamo di andargli dietro, cerchiamo di mostrare Lui ai nostri compagni di viaggio. Cerchiamo di entrare nella sua passione per gli umani, suoi cuccioli. Credo che il Festival ci abbia aiutato a camminare in questa direzione. Aiutandoci ad essere una Chiesa non più di tutti, ma sempre per tutti. Una Chiesa che cerca di camminare con tutti, in ogni epoca, senza pregiudizi, senza pretese. Con tutto questo in cuore, formuliamo fin d’ora i migliori auguri di buon lavoro all’Arcidiocesi marchigiana di Fermo, scelta dai Paolini quale sede della prossima edizione del Festival. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo