logo san paolo
giovedì 20 gennaio 2022
 
Formazione
 

Fiat e Salesiani insieme per creare lavoro e dignità

07/06/2016  Presentati a Torino i risultati di "TechPro2", il programma per la creazione di figure professionali d’officina altamente specializzate, nato dalla collaborazione tra i Salesiani, Fiat Chrysler Automobiles e CNH Industrial. Quasi 13 mila giovani formati, oltre 380 mila ore di lezione, avviati più di 5 mila stage e tirocini. In India ed Etiopia tutti i ragazzi assunti. Un modello di relazione innovativo tra la scuola e il mondo delle imprese.

Olivia Masedi, sudafricana, 25 anni, meccanica esperta di veicoli commerciali. Dopo essere stata una delle prime donne in Africa a lavorare in questo settore, oggi ha un sogno: aprire un'officina tutta sua. Teshale Belay, 18 anni, etiope: viveva in strada e ora ha trovato un'occupazione presso un'officina locale. Oltre a lavorare, frequenta le scuole serali. Sono soltanto due dei ragazzi di oltre 50 scuole, in 11 Paesi del mondo, che dimostrano quanto sia ancora oggi potente, lungimiramnte, e in un certo senso anche visionario, il sogno di don Bosco: dare un futuro professionale ai ragazzi, dargli quella dignità ineguagliabile che si chiama lavoro. Il metodo salesiano di predere i ragazzi dalla strada e di avviarli a imparare un mestiere, attraverso la formazione, l'impegno, il sacrificio e l'orgoglio per le cose fatte bene, è ancora vivo. E' nato 150 anni fa nel cuore operaio di Torino, a Valdocco, ma è moderno più che mai, è diventato globale, oggi è presente in quattro continenti e insegue le sfide nuove della tecnologia, dell'elettronica, della robotica. Ma è sempre lo stesso sogno, quello di don Bosco.

Quella straordinaria intuizione educativa - che è la stessa anima salesiana, cioè dare alle nuove generazioni opportunità di crescita, serie e strutturate, per progettare un futuro di lavoro, di famiglia e di dignità - ha preso forma anche in un progetto nato nel 2008, TechPro2, che è il nome di questa storia di successo in cui impresa, formazione e studenti si incontrano, si parlano e crescono insieme per creare lavoro e futuro per i giovani. E' un programma di formazione tecnica di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) e CNH Industrial. I risultati di questa esperienza lunga ormai otto anni sono stati presentati proprio dove tutto era partito, nelle mani di don Bosco, a Torino, quartiere di Valdocco, presso la Casa Madre dei Salesiani. In sintesi TechPro2, oltre a creare figure professionali d'officina altamente specializzate, ha ormai respiro globale che coinvolge e parla direttamente ai giovani (molti dei quali provengono da contesti sociali disagiati) per offrire loro un futuro professionale certo. Inoltre, è anche un modello di relazione innovativo tra la scuola (nello specifico gli istituti Salesiani) e il mondo del lavoro, rappresentato da FCA e CNH Industrial e dalle loro reti commerciali e assistenziali.

Sono numerosi i casi di successo: in Etiopia il corso di CNH Industrial per addetti alla riparazione di veicoli commerciali ha permesso a tutti i partecipanti di essere assunti. Lo stesso è successo in India per il corso di Fiat Chrysler Automobiles per meccanici del veicolo. Complessivamente, in otto anni di vita TechPro2 ha formato quasi 13 mila giovani con oltre 380 mila ore di lezione e sono stati avviati più di 5 mila stage e tirocini presso le reti assistenziali di FCA e CNH Industrial. Nel corso di quest'anno è stata aperta una nuova scuola a Verona e alcuni mercati, per esempio la Francia, hanno richiesto un'edizione sul loro territorio. CNH Industrial ha recentemente avviato una nuova edizione dedicata al settore agricolo. FCA ha ampliato l'offerta anche all'area dell'accettazione e, sempre nel 2016, ha attivato - in collaborazione con Abarth - un corso pilota per la figura del Racing Team Technician, mentre a settembre partirà un nuovo corso sulla logistica.

Alla prima edizione dell’International TechPro2 Event sette giovani partecipanti sono stati chiamati sul palco per ritirare una simbolica pergamena in riconoscimento del loro impegno e dei risultati ottenuti. Per esempio, Simone Cassino, 17 anni, di Fossano, provincia di Cuneo, che oltre ad aver vinto il TechPro2 Award 2015 si è aggiudicato anche i Campionati dei Mestieri WorldSkills Piemonte 2015 classificandosi primo con 548 punti nella sezione Meccanica. Simone gareggerà ai Campionati Nazionali di Bolzano WorldSkills Italy e ai Campionati Europei EuroSkills a Göteborg (Svezia) il prossimo novembre.

La notizia è che questo progetto nato nel 2008 continua e funziona. E' un moltiplicatore di opportunità e di crescita. Don Francesco Cereda, Vicario del Rettor Maggiore della Congregazione dei Salesiani, ha spiegato il senso che sta alla base di questo programma tecnico-professionale: «Per noi salesiani il futuro sono i giovani. TechPro2 presenta loro un progetto di vita che non è soltanto il posto di lavoro. Perché il lavoro, inteso come la possibilità di progettare un futuro, di essere un riscatto per chi proviene da situazioni difficili, di essere occasione di creatività, è molto più di un "posto" in fabbrica o in ufficio. Ed  era questa dignità del lavoro il progetto più autentico di don Bosco, che nella sua vita ha fatto 13 mestieri di versi, tra i quali il contadino, il pasticcere, il sarto, l'editore, lo stampatore, il diplomatico, l'imprenditore e il maestro. Per lui il lavoro era il modo di migliorare il mondo, unendo imprese, formatori e allievi».

TechPro2, dunque, è molto più di un progetto per nuovi posti, che comunque sono stati creati perché il 40% dei ragazzi che hanno patrtecipato al programma sono stati assunti, e l'obiettivo è di arrivare al 100 per cento di giovani che escono da queste scuole e trovano occupazione. E' un'iniziativa che unisce tre mondi: gli impenditori, la formazione professionale e i ragazzi che devono affacciarsi al lavoro. Lo ha confermato Carlo Lambro, presidente del marchio New Holland all'interno di CNH Industrial: «Noi produciamo mezzi per permettere agli altri di trasportare, di lavorare, di costruire. Sapete, per esempio, qual è la macchina più complicata oggi al mondo? La mietitrebbia, per raccogliere i cereali: ha oltre 40.000 pezzi e varianti. Se un pezzo si rompe bisogna trovarlo, capirlo, diagnosticarlo e risolverlo. E bisogna fare in fretta perché la raccolta non aspetta, non dura tutto l'anno, al massimo quattro settimane. Servono competenze tecniche e professionali altamente specializzate, che danno lavoro il quale a sua volte crea altro lavoro. La formazione tecnica nel nostro ambito è dunque fondamentale, per questo siamo vicini a TechPro2, e abbiamo investito in questo programma, sperando che i giovani che escono da questi corsi si fermeranno con noi. Ma anche se andranno altrove, avremo comunque favorito un progresso professionale e sociale». 

In Etiopia e in India i ragazzi che sono usciti dai corsi di TechPro2 sono stati assunti al 100 per cento. Un modello vincente di sinergia tra lavoro e impresa, una vera e propria partnership, quella tra i Salesiani e il mondo produttivo di Fiat Chysler e di CNH Industrial (all'interno del quale c'è anche Iveco). Mondi diversi che s’incontrano per prendere il meglio l’uno dell’altro. C'è anche un sito Internet dedicato al progetto (www.techpro2.com), un ponte capace di collegare i ragazzi alle imprese e alle richiesta di personale qualificato e specializzato. Ha concluso don Cereda: «Finche operavamo da soli mettevamo in campo risorse limitate. Invece, mettere insieme le risorse significa moltiplicare l'energia che si crea con giovani, formatori e partner industriali. E non dimentichiamo che questo progetto è nato nel 2008, all’inizio della crisi economica che dagli Stati uniti ha contagiato l'Europa. Ma non abbiamo avuto paura di guardare al futuro. Don Bosco ci ha insegnato che se dobbiamo aspettare le condizioni ottimali per fare qualcosa, non si parte mai. La crisi non era era certo la condizione ottimale, ma ci siamo incamminati secondo lo spirito salesiano, di sinergia con il mondo del lavoro, con il nostro entusiasmo ma anche con la qualità delle risorse messe in campo».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo