logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
Al cinema
 

Finalmente "Torneranno i prati"

06/11/2014  Esce nelle sale il film tanto atteso di Ermanno Olmi sulla Grande Guerra, girato nella "sua" Asiago. Il regista spiega a Famiglia Cristiana com'è nata la sua ultima opera, «un inno alla pace dalla trincea».

fotogramma  del film "Torneranno i prati"
fotogramma del film "Torneranno i prati"

Dal 6 novembre  è nei cinema “Torneranno i prati”, il film tanto atteso di Ermanno Olmi sulla Grande Guerra.  Nonostante l’età, l’83enne cineasta bergamasco, che da tempo vive  tra Milano e Asiago, ha voluto rimettersi  dietro la cinepresa per realizzare , come lui stesso l’ha definita, un’opera “prima che bella, utile alla memoria, che non fosse l’ennesima celebrazione di una vittoria. E quale amara vittoria, poi”.

E' il  racconto "onirico" di una notte in trincea che descrive un fatto bellico veramente accaduto: il tentativo di occupare un osservatorio nemico. “Nell’avamposto- spiega Olmi – il tempo viene sospeso. Si sta in attesa di qualcosa  che può accadere all’improvviso: l’offensiva, il bombardamento. Un attesa sfibrante. E’ la notte dei condannati a morte”.   

 "Il modo migliore per ricordare il conflitto è quello di comprenderne le ragioni, perché a troppe celebrazioni di guerre sono seguite altre guerre. E l'unica vittoria che  che si può celebrare  oggi è quella della pace sulla studità della guerra", dice ancora il regista.

L’intervista completa ad Ermanno Olmi è sul numero 45 di “Famiglia Cristiana”, in uscita questa settimana.
   

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo