Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
 

Spiritualità, fine anno a Montecassino

02/12/2011  I monaci dell'Abbazia laziale fondata da san Benedetto invitano i ragazzi a condividere la vita comunitaria, fatta di preghiere e lavoro. Accoglienza anche in altri periodi.

I ragazzi possono trascorrere una fine dell’anno davvero speciale: quattro giorni con i monaci a Montecassino (Frosinone), nell’abbazia fondata da san Benedetto da Norcia nel 529, dove nacque l’Ordine e la Regola, che ancora oggi, dopo quindici secoli, ritma la vita nei monasteri benedettini. “Ora et labora”, prega  e lavora.
È una bella opportunità per vivere a contatto con una comunità dove regna l’amore, l’obbedienza, la prevalenza dello spirito, Il Vangelo. La sveglia suona alle 5 e per sette volte al giorno ci si unisce alla comunità per esprimere lode al Signore. Nel resto del tempo si è impegnati in attività lavorative perché, come afferma san Benedetto nella Regola, “l’ozio è il nemico dell’anima”. A Montecassino i monaci si dedicano alla produzione di icone, alla legatoria dei libri, studiano, organizzano manifestazioni culturali. «Invitiamo i giovani fra i 18 e i 35 anni a fare un’esperienza di vita monastica dal 28 al 31 dicembre presso la nostra Abbazia», dice don Luigi Maria Di Bussolo «Condivideranno con i monaci i ritmi della preghiera, del lavoro e della comunione fraterna, accompagnati da alcune meditazioni sul periodo natalizio. La partecipazione è totalmente gratuita».

Questa è un’opportunità speciale in cui è previsto un coinvolgimento completo degli ospiti nella vita comunitaria, ma  non è unica «La nostra foresteria è sempre aperta ai visitatori, per ora solo maschi, di  qualsiasi  età, sposati o non, che vogliono vivere delle giornate di spiritualità e raccoglimento. Partecipano alle attività quotidiane, possono fare piccoli lavori nella nostra falegnameria, dove facciamo icone, oppure se è bel tempo pulire il giardino o affiancare il giardiniere nel suo lavoro. Offriamo accoglienza, condividiamo pasti e preghiere», spiega don Luigi.
   L’abbazia di Montecassino è aperta ai tutti, famiglie, donne, bambini,  per visite in giornata. L’orario d’entrata è: al mattino dalle ore 8,30 alle ore 12,30, al pomeriggio dalle ore 15,30 alle ore 17.  Nei giorni festivi, quando si svolgono le funzioni solenni, l’accesso è limitato esclusivamente alla chiesa. L'orario delle Messe festive è: 9; 10.30; 12. All’interno del Monastero non è disponibile alcun servizio di ristoro, non vi sono locali ove i visitatori possono consumare cibi che hanno portato con sé e ovviamente non è consentito consumare pasti nei chiostri. La città di Cassino è molto vicina. Chi arriva in treno (da Roma, Napoli; Bari; Foggia; Campobasso) può, alla stazione di Cassino, prendere il bus fino al monastero.
Per le informazioni  rivolgersi a don Luigi Maria Di Bussolo, tel. 0776/31.15.29,  e-mail: nov.montecassino@gmail.com.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo