logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Oggi in Tv
 

Fiorella Mannoia a don Ciotti: "Sto ancora cercando Dio"

04/11/2017  La cantante e il sacerdote sono i protagonisti della nuova puntata di A sua immagine, la rubrica di informazione religiosa in onda su Rai 1 sabato 4 novembre.

Che sia benedetta è la canzone inno alla vita con cui Fiorella Mannoia ha quasi vinto l’ultimo Festival di Sanremo. E nella puntata di  “A sua immagine - Le ragioni della speranza” di sabato 4 novembre alle 17.30 su Rai 1 la cantante, incalzata da un intervistatore d’eccezione, don Luigi Ciotti, definisce la vita “In fondo perfetta, è la miseria umana a sporcarla”.

Parlando del fondatore di Libera, l’artista con alle spalle 40 anni di carriera dice: “Lo conosco da molto tempo, l’ho appoggiato in varie iniziative e tutte le volte che lui mi chiama io ci sono, anche in occasioni più insolite come questa”. Nella chiacchierata con don Ciotti la Mannoia affronta diversi temi, dalle ingiustizie (“Da quando ero piccola, se sento o vedo un’ingiustizia, non riesco a tacere”) alla violenza sulle donne, dall’educazione dei giovani, all’immigrazione, al suo rapporto con la fede (“Io cerco e continuo a cercare, forse non troverò mai, però voglio cercare. Non so pregare, ma so ringraziare”) e di papa Francesco (“Un Papa che sta fra la gente e che ha portato una rivoluzione”.)

L’intervista sarà anche l’occasione per parlare dei suoi prossimi concerti che fino a metà gennaio la porteranno in Europa (compresa l'emozionante tappa parigina al Bataclan, il 21 novembre) e in tutta Italia per l’ultima parte di “Combattente Il tour”, che ha raggiunto quota 100 concerti.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo