Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Firenze, una nuova casa per l'opera

21/12/2011  Questa sera un concerto di Zubin Metha inaugurerà il Teatro dell'opera - Maggio musicale fiorentino. L'evento srà trasmesso in diretta su Rai5 e Rai Radio 3.

La festa comincia: e per 10 giorni sarà un susseguirsi di eventi, destinati a concludere le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Il festeggiato è il nuovissimo Teatro dell’opera di Firenze - Maggio musicale fiorentino e l’avvenimento ha grande valore sia per la città - giustamente ricordata come “la culla del molodramma”, visto che qui vide la luce nel 1594 la Dafne di Jacopo Peri - sia per l’Europa, che ritrova nel nuovo complesso ideato da Paolo Desideri (Studio A.B.D.R. - Roma) il luogo dove continuare la straordinaria avventura di uno dei più antichi e prestigiosi Festival internazionali.

Un teatro di 1800 posti, un auditorium di 1000, una cavea per gli spettacoli estivi, con un’architettura accattivante, posta al limitare del Parco delle Cascine: non nel centro geografico della città dunque, ma con vista su Palazzo Vecchio, il Duomo e la città intera. Così il nuovo complesso accoglierà gli appassionati: e in tempi di crisi l’inaugurazione è un segnale per tutti coloro che credono nella cultura e lottano per darle continuità e soprattutto una sempre più grande diffusione.

«Il programma è stato studiato per permettere a tutti i complessi artistici del teatro di inaugurare il nuovo auditorium», afferma Francesca Colombo, sovrintendente del Maggio musicale fiorentino. E non c’è dubbio che le cose siano state fatte in grande anche dal direttore artistico Paolo Arcà. Qualche nome? Innanzitutto quello di Zubin Mehta, che del Maggio è direttore e che farà risuonare stasera le note della Leonore n. 3 e della Nona di Beethoven, separate dalla prima esecuzione assoluta di Gegenliebe (Amore ricambiato) per orchestra, di Sylvano Bussotti (compositore fiorentino).

Seguiranno le esibizioni di Claudio Abbado (con l’Orchestra Mozart e l’orchestra e il Coro fiorentini insieme, il 23), András Shiff, Radu Lupu, Stefano Bollani, Fabio Luisi, ancora Mehta. Con generi che spazieranno dalla classica al jazz e al balletto e con veglione il 31. E non sarà una festa per i soli fiorentini: il concerto inaugurale viene trasmesso questa sera in diretta da Rai 5 e sulle frequenze di Rai Radio 3 alle 20.30. Il concerto del 31 dicembre sarà sempre in diretta su Rai Radio 3, che invece trasmetterà in differita il concerto di Claudio Abbado del 23 dicembre.

Per informazioni, e visione in streaming delle manifestazioni: www.maggiofiorentino.com

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo