logo san paolo
domenica 14 agosto 2022
 
 

I disabili? Tutti giu' per terra

29/10/2011  A Bologna i portatori di handicap con gli educatori hanno realizzato in piazza Nettuno un flash mob per denunciare i tagli alla spesa sociale che colpiscono pesantemente anche loro.

Appuntamento in piazza Nettuno, a Bologna, sabato 29 ottobre. Al suono di una tromba, tutti immobili nella posizione in cui si trovavano. Chi ha potuto si è disteso per terra, chi era in carrozzina si è ripiegato su sé stesso chinando il corpo in avanti, in silenzio. Così, per quattro minuti esatti, nel capoluogo emiliano è andata in scena un'immagine di "morte", il simbolico "olocausto" dei portatori di handicap, anche loro finiti sotto la falce dei tagli del Governo.


     E' stato un flash mob molto intenso e particolare quello realizzato dai disabili, insieme alle loro famiglie e agli educatori sociali - sotto lo slogan "Tagli sui soggetti improduttivi: il nuovo massacro dei disabili" - per far sentire la loro voce contro i tagli all'assistenza previsti dalla manovra finanziaria.

     Di fronte a queste pesanti scelte economiche che colpiscono la spesa sociale, i portatori di handicap si sentono ancora più fragili, vedono sempre di più minata la loro dignità, la loro possibilità di condurre una vita normale e assistita.  Daniela Migogna, del Comitato promotore del flash mob, ha spiegato che i tagli riguardano i fondi destinati alla non-autosufficienza, all'assistenza, alle pensioni di invalidità, agli assegni di accompagnamento. 

     La situazione è particolarmente difficile nel caso di disabilità gravi; e anche nelle scuole, per gli studenti portatori di handicap, a causa del ridimensionamento degli educatori. Di questa situazione, ha osservato la Migogna, non è responsabile solo questo Governo; ma i tagli degli ultimi due-tre anni non hanno precedenti.  

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo