logo san paolo
sabato 22 gennaio 2022
 
 

Foibe, un silenzio che fa male

10/02/2013  Si celebra oggi il Giorno del ricordo della pulizia etnica dei titini contro gli italiani. Al di là delle cerimonie ufficiali, manca un dibattito che favorisca una memoria condivisa.

Si celebra oggi, 10 febbraio, il Giorno del ricordo, che intende commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata. La solennità fu istituita con la legge 92 del 2004 «al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale».

Le foibe - vale la pena ricordarlo - indicano le cavità geologiche tipiche della Venezia Giulia in cui vennero occultate le vittime degli eccidi perpetrati dai partigiani jugoslavi durante e alla fine della seconda guerra mondiale. Pur non essendo dal punto di vista storico del tutto esatto - solo una parte delle vittime finì nelle foibe, molte altre persero la vita nei campi di prigionia - il termine evoca, anche simbolicamente, questa pagina oscura della nostra storia.

La legge istitutiva del Giorno del ricordo prevede una serie di iniziative volte a tenere viva la memoria su questi fatti drammatici.
E una serie di eventi sono effettivamente in programma in varie zone d'Italia, soprattutto al Nordest, in prossimità del famigerato confine orientale. Un calendario completo e aggiornato delle commemorazioni in programma è consultabile sul sito del Comitato 10 febbraio (www.10febbraio.it). Spiace tuttavia osservare che, al di là di tali iniaziative ufficiali, manchi un dibattito culturale sulle foibe e su ciò che hanno significato per la storia dell'Italia.

Il ricordo e la riflessione nazionale sulla questione non sembrano all'ordine del giorno: poche sono le pagine della stampa sull'argomento, sul fronte editoriale regna un imbarazzante silenzio (non ci risultano pubblicazioni datate 2013, ne esistono soltanto di più vecchie, e non in grande quantità), quasi totale il "disinteresse" di altri linguaggi culturali come il cinema o l'arte...

Strumentalizzare il Giorno del ricordo per affermare una fazione politica contro un'altra è un gioco sterile e ormai stanco. Operazione ben diversa è quella che si prefigge di tenere desta l'attenzione di un popolo sulla sua storia, conoscere i fatti, commemorare le vittime con quella pietas che spetta a chiunque abbia subìto una violenza o un'ingiustizia. La denuncia del moltiplicarsi di episodi di sciacallaggio contro le lapidi e i monumenti commemorativi suscita forti timori. Il silenzio attorno al Giorno della memoria è dunque un brutto segnale per un Paese che voglia vivere serenamente il suo presente e progettare unito il suo futuro.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo