Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
Il Papa
 

L'appello di Francesco: aboliamo la pena di morte

24/02/2016  ...E ai governanti cattolici il Papa chiede, come gesto coraggioso ed esemplare, che in questo Anno Santo della misericordia non venga eseguita nessuna condanna capitale

Chissà se avranno davvero audacia coloro che reggono le sorti del mondo. E se sapranno rispondere all’appello di Francesco alla loro coscienza «affinché si giunga a un consenso internazionale per l’abolizione della pena di morte». Il Papa, inoltre, propone «a quanti tra loro sono cattolici di compiere un gesto coraggioso ed esemplare: che nessuna condanna venga eseguita in questo Anno Santo della misericordia».
Lo spunto è dato dal convegno organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio – storicamente impegnata contro la pena di morte –, che ha riunito a Roma trenta ministri di Giustizia del mondo e che ha previsto anche la presenza del cardinale tedesco Reinhard Marx, per dire che «il comandamento “non uccidere” ha valore assoluto e riguarda sia l’innocente sia il colpevole». Papa Francesco esclude la «legittima difesa sociale», facendo un ulteriore passo in avanti anche rispetto al Catechismo della Chiesa cattolica. «Non è il Vangelo che cambia, siamo noi che cominciamo a comprenderlo meglio», chiosa in proposito lo storico Andrea Riccardi, citando un’espressione di Giovanni XXIII.
Fin dall’inizio del suo ponticato Bergoglio ha ripetutamente delegittimato religiosamente la pena di morte. Lo ha fatto, con forza, soprattutto davanti al Congresso americano – primo Papa a mettervi piede – quando ha citato la «responsabilità di proteggere e difendere la vita umana in ogni fase del suo sviluppo». Questa convinzione », ha aggiunto, «mi ha portato, fin dall’inizio del mio ministero, a sostenere a vari livelli l’abolizione globale della pena di morte. Sono convinto che questa sia la via migliore, dal momento che ogni vita è sacra, ogni persona umana è dotata di una inalienabile dignità, e la società può solo beneciare dalla riabilitazione di coloro che sono condannati per crimini».
Affacciandosi la scorsa settimana dalla finestra di piazza San Pietro, per il consueto Angelus, Bergoglio è partito proprio da qui, «dall’inviolabile diritto alla vita, dono di Dio» che anche «il criminale mantiene». E Francesco pensa anche alla dignità del carcere e alla «possibilità di redimersi» che ha il colpevole. Possibilità che la pena dovrebbe favorire per quel reinserimento nella società che gli Stati - l’Italia già lo prevede nella propria Costituzione – dovrebbero salutare come una vittoria della collettività e della stessa giustizia.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo