logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 
 

Dalle famiglie "no" alla manovra

23/12/2011  Il Forum delle Associazioni Familiari esprime pesanti critiche alla "mannaia" fiscale calata sulle famiglie. Salvo per l'Imu, più "tagliata" a misura di famiglia.

«L'approvazione della manovra, che ieri ha ricevuto il via libera finale del Senato, non lascia certo tranquille le famiglie, e la delusione rimane forte». Non nasconde la sua delusione e un giudizio sostanzialmente negativo sulla manovra del governo Monti il Forum delle Associazioni familiari nella sua tradizionale newsletter di auguri natalizi. Preoccupazione, in particolare, per l'aumento dell'Iva, soprattutto per quella con aliquota al 10% relativa ai prodotti «di prima necessità, quelli di vita quotidiana, quelli che le famiglie utilizzano», il cui impatto sarà certamente regressivo, se non drammatico, per le famiglie. «Con l'Iva», infatti, «più si consuma, più si pagano tasse: e questo penalizza direttamente, in modo iniquo, proprio le famiglie con più figli, quelli con più carichi familiari».

Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari.
Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari.

Più in generale il Forum, manifestando senso di responsabilità e convinzione che «dalla crisi si deve uscire tutti insieme», auspica comunque «maggiore equità per le famiglie, perché proprio dalle famiglie, dalle nuove generazioni e dal lavoro può e deve ripartire la speranza sul futuro per il nostro Paese». Un segno di speranza di una possibile inversione di tendenza nasce proprio dal modificato calcolo dell'Ici sulla prima casa, che prevede uno sgravio di 50 euro per ogni figlio fino all'ottavo, con una detrazione che passa da 200 euro per una coppia senza figli fino a 600 euro per chi ha otto figli: «Un segnale concreto di attenzione all'equità familiare che fa differenza tra chi ha familiari a carico e chi non li ha. Finalmente una misura di pura equità familiare, non sottoposta al reddito, ma che fa la differenza tra chi ha figli e chi non li ha».

«Se le imposte Irpef avessero la stessa dinamica (due volte più vantaggiose tra chi ha quattro figli e chi non ne neanche uno, addirittura tre volte per chi abbia otto figli), allora avremmo davvero un fisco a misura di famiglia». Una constatazione che diventa una speranza. Per un futuro più sereno.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo