Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Francesco Salvi, sulle Dolomiti con Terence Hill

25/08/2014  Per la nostra serie sui luoghi delle fiction, abbiamo intervistato l'attore sul set di Un passo dal cielo

Sessantuno anni, poliedrico personaggio dello spettacolo, cabarettista, attore, doppiatore, cantante, nella fiction Un passo dal cielo interpreta i panni di Roccia, di origini venete, il fedele sovrintendente capo forestale di Pietro (Terence Hill), fratello di Assunta e padre di Chiara. Lo abbiamo raggiunto sul set dove si stanno girando le nuove puntate della serie che sarà trasmessa da Rai 1.

Lei ama la montagna?
«Per forza. Sono di Luino, sul Lago Maggiore, a pochi chilometri dalla Svizzera. Papà era alpino e in montagna si andava in vacanza ogni anno».

Conosceva le Dolomiti prima di girare la fiction?
«Certo. Ma più la zona vicino al passo Sella. Ho avuto modo di frequentare le Dolomiti quand’ero inviato al Giro d’Italia per Striscia la notizia».

Che idea s’è fatta dell’Alto Adige e dell’Alta Pusteria?
«Di una terra splendida, dove però appena arrivi ti pare di essere all’estero. Fanno le fatture fiscali e gli scontrini su ogni cosa che acquisti! La Pusteria mi dà una sensazione di tranquillità e di pace, immersi come si è nella natura. E poi dico a tutti: affrettiamoci a visitare le Dolomiti, perché tra due milioni di anni queste montagne non ci saranno più».

Che cosa si ricorda di più del set sulle Tre Cime di Lavaredo?

«Che si doveva girare una scena con una bufera di neve. La produzione aveva fatto arrivare fin lassù, con qualche problema, le macchine per creare la neve finta e sa com’è finita? Che non abbiamo potuto girare perché nevicava sul serio».

Il successo di Un passo dal cielo è dovuto anche a questa location affascinante?

«Sì, per il 50 per cento. L’altro 50 è dovuto al fascino di Terence. Quando infila le staffe, sale a cavallo e s’allontana al galoppo, è l’apoteosi»

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo