logo san paolo
sabato 19 giugno 2021
 
 

Fratelli Musulmani, potenti ma isolati

17/08/2013  Mohammed Morsi era arrivato al potere anche grazie al sostegno di molti che lo preferirono a un governo di nostalgici. L'incapacità di governare l'Egitto lo ha fatto abbandonare da tutti.

Una manifestazione dei Fratelli Musulmani in favore dell'ex presidente Mohammed Morsi (Reuters).
Una manifestazione dei Fratelli Musulmani in favore dell'ex presidente Mohammed Morsi (Reuters).

Di fronte alle stragi dei militari e al rischio concreto di una guerra civile in Egitto, molti hanno concluso che la Primavera araba ha solo aperto una porta verso ulteriori conflitti e che la situazione è addirittura peggiorata rispetto ai tempi di Hosni Mubarak. E' comprensibile che si arrivi a queste considerazioni, ma la situazione è molto più complessa di così.

Intanto, sarà bene ricordare che la cacciata di Mubarak nel 2011 non fu una passeggiata: i morti, allora, furono circa un migliaio. In secondo luogo, i Fratelli Musulmani sono decisi, pronti al sacrificio e bene organizzati ma sono completamente isolati in seno alla società egiziana. Il loro "peso" elettorale, nel 2012, si aggirava intorno al 25%: questo, almeno, fu l'esito del primo turno delle presidenziali. Per spuntarla, e non di molto, su Ahmad Shafiq, ex generale dell'aviazione e ultimo primo ministro (per tre mesi) dell'era Mubarak, Mohammed Morsi ebbe bisogno dei voti dei salafiti e di molti voti dei "liberali", laici e spesso di sinistra, che temevano un regime militare di nostalgici nel caso avesse vinto Shafiq ed erano comunque (giustamente) inclini a vedere nei Fratelli Musulmani un movimento con forti radici popolari.

Alla base del potere di Morsi, quindi, c'era comunque una coalizione. Sbilanciata nei numeri a favore dei Fratelli Musulmani, ma più composita di quel che sembrasse a prima vista. In un anno di potere, però, Morsi e i suoi hanno mostrato da un lato l'assoluta incapacità di affrontare i problemi dell'Egitto, primo fra tutti il caos economico, dall'altro la tendenza a costruire con ogni mezzo (si pensi per esempio alla Costituzione, approvata in fretta e furia con un referendum organizzato ad arte) un regime autoritario e islamista. A quel punto, salafiti, musulmani moderati, liberali laici, copti... tutti hanno abbandonato Morsi e nei suoi confronti è sbocciato un movimento simile a quello che nel 2011 aveva cacciato Mubarak: interconfessionale, moderato e, soprattutto, come allora appoggiato dai militari.

La differenza, profondissima, è che il regime di Mubarak aveva un'unico vero radicamento col Paese: i militari, appunto. Una volta perso quello, restava un castello di carte facile da scompigliare. I Fratelli Musulmani, invece, hanno costruito il loro consenso in lunghi anni di militanza e di persecuzione da parte del regime, e in una capillare rete di azioni di beneficenza che ha fatto di loro la più importante organizzazione di intervento sociale. Infine, se oltre un certo limite nessuno era disposto a morire per Mubarak, molti dei Fratelli, come vediamo, sono disposti a morire per Morsi e, soprattutto, per la loro fede. 

 

Multimedia
Egitto in fiamme. I cristiani copti si chiedono se c’è un futuro per loro.
Correlati
Egitto, giorni di sangue: più di 500 i morti negli scontri
Correlati
Egitto in fiamme. I cristiani copti si chiedono se c’è un futuro per loro.
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%