logo san paolo
venerdì 16 aprile 2021
 
Istat
 

La povertà si arresta, ma le famiglie...

15/07/2015  Chi ha figli in Italia diventa più povero. La situazione difficile di chi ne ha da tre in su denunciata dal Forum delle associazioni familiari

I dati sulla povertà non devono provocare facili ottimismi, perché se ben analizzati lasciano intendere che il primo fattore di povertà rimangono i figli che, soprattutto quando sono da tre in su, fanno precipitare molti genitori sotto il livello di povertà. Immediato, infatti, è stato l'intervento dell'associazionismo familiare, che ancora una volta sottolinea le carenza delle politiche familiari e l'assenza totale di un fisco equo per chi ha ancora il coraggio di mettere al mondo un bambino. Non a caso di recente è sttao segnalato il continuo declino delle popolazione italiana dovuto a un gelo demografico di cui si parla molto ma contro cui non si fa ancora nulla.

Francesco Belletti, Presidente del Forum delle Associazioni Famigliari

Povertà stabilizzata? Ditelo ai 4 milioni di famiglie che sono alla fame

«
Leggendo il report dell’Istat sulla povertà in Italia nel 2014, si respira un’aria di cauto, ma sostanziale ottimismo» commenta Francesco Belletti, presidente del Forum. «Gli esperti ci dicono che negli ultimi anni l’incidenza della povertà assoluta e della povertà relativa è rimasta sostanzialmente invariata. “Invariata” significa che la situazione non è peggiorata, non che è, anche solo di un soffio, migliorata, e questo non autorizza nessuna forma, sia pur velata, di ottimismo. Tanto più se le famiglie in povertà assoluta rappresentano il 6,3% del totale e la povertà relativa colpisce un altro 10,3% delle famiglie. Complessivamente il 16,6% delle famiglie italiane vive in condizioni di profondo disagio, se non di fame. E stiamo parlando di oltre quattro milioni di famiglie e di quasi 12 milioni di persone. «Ma siamo proprio sicuri che la situazione non sia, quanto meno, peggiorata? Purtroppo non è così o non lo è per tutti. Le famiglie più deboli in assoluto, quelle con almeno tre figli, sono precipitate ancora più in basso. In povertà assoluta erano il 14,4% nel 2013 e sono diventate 16,4% nel 2014 e quelle con i figli minori sono diventate addirittura il 18,6% con un punto di percentuale in più. «Anche le famiglie in condizione di povertà relativa sono aumentate: circa diecimila nuclei in più rispetto al 2013. Ma se andiamo a cercare ancora quelle che stanno peggio del peggio troviamo che la famiglie con almeno due figli minori in povertà relativa sono passate dal 15,6% al 18,5%. «C’è poi da tener conto delle famiglie straniere in povertà assoluta sono il 23,4% con numeri assoluti che diventano sempre più significativi al crescere dell’immigrazione. «Una situazione che non si può esitare a definire drammatica e che segnala la distanza tra gli indicatori economici della ripresa e le reali condizioni della vita quotidiana delle famiglie» conclude Belletti. «Ci possono essere emergenze più grandi in Paese civile? Ci auguriamo che queste cifre, depurate dai falsi ottimismi, circolino anche sui tavoli del governo»

Mario Sberna, deputato del gruppo ‘Per l’Italia-Centro Democratico’ e già presidente del Forum delle famiglie numerose.

  

Contro la povertà si deve investire sulle famiglie con figli

«Al di là dei proclami, i dati Istat sulla povertà confermano quanto resti dura la realtà per tante famiglie italiane. Non dimentichiamoci che, come certificato dal Censis, una famiglia italiana su dieci non ha i soldi per sfamarsi e che le famiglie numerose sono anche quelle che hanno subito di più i tagli alla spesa alimentare negli ultimi otto anni. E' fin troppo ovvio che investire sulla crescita è fondamentale, ma dovrebbe anche essere chiaro a tutti che, per invertire davvero la rotta, occorrerebbe investire sulle famiglie e in particolare quelle che generano figli, ossia il futuro del Paese, con misure mirate, realistiche e sostenibili contro la povertà. Il gruppo 'Per l'Italia-Centro Democratico' ha da tempo depositato alla Camera una proposta di legge che va in questa direzione».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 53,90 - 14%