logo san paolo
domenica 25 ottobre 2020
 
 

11 marzo 2011, Fukushima l'anno dopo

11/03/2012  A dodici mesi dal disastro nucleare di Fukushima, conseguente al terremoto del Giappone, molte domande attendono risposta. Centomila persone ancora senza adeguato sostegno.

Giornalisti accompagnati da personale della Tepco (Tokyo Electric Power Company) in visita ai reattori nucleari di Fukushima (foto Ansa).
Giornalisti accompagnati da personale della Tepco (Tokyo Electric Power Company) in visita ai reattori nucleari di Fukushima (foto Ansa).

L'11 marzo 2011, in seguito al terremoto e allo tsunami che sconvolsero il Giappone, si verificò il disastro di Fukushima, con la fusione del nocciolo di tre reattori della centrale. Venne rilasciata una tale radioattività da essere classificato di livello 7, il massimo di gravità per gli incidenti nucleari, raggiunto solo da Chernobyl. Fu contaminato il suolo in un'area di 600 chilometri attorno alla centrale e il mare risultò radioattivo fino a cinquanta volte i limiti di sicurezza nelle settimane successive all'incidente.

Manifestazioni in Germania contro l'energia nuclare. Il cartello dice: "Fukushima è dappertutto. Fermiamo la follia nucleare. Chiudiamo tutti gli impianti immediatamente in tutto il mondo" (foto Ansa).
Manifestazioni in Germania contro l'energia nuclare. Il cartello dice: "Fukushima è dappertutto. Fermiamo la follia nucleare. Chiudiamo tutti gli impianti immediatamente in tutto il mondo" (foto Ansa).


Nel libro “Fukushima” (Marsilio editore), il giornalista Alessandro Farruggia ricostruisce l'incidente e la gestione dell'emergenza, indicando sei errori che hanno aggravato il bilancio. Il primo e quasi incredibile tarlo nella sicurezza, è stato quello di costruirla troppo vicino al livello del mare, esponendola fatalmente al rischio tsunami. In origine la centrale doveva trovarsi su una collinetta alta 34 metri, ma si decise di spianarla per risparmiare i costi del pompaggio dell’acqua di mare per il sistema di raffreddamento. Anche il rischio sismico e quello dello tsunami vennero sottovalutati.

18 marzo 2011: la distruzione dopo lo tsunami che ha colpito il Giappone (foto Ansa).
18 marzo 2011: la distruzione dopo lo tsunami che ha colpito il Giappone (foto Ansa).


Inoltre, il reattore 1 aveva un design inadeguato e il reattore numero 4 aveva la scocca fallata. Il sesto errore inscritto nel Dna di Fukushima fu quello di voler risparmiar sui costi di realizzazione delle parti non nucleari della centrale. I primi cinque reattori di Fukushima furono infatti costruiti - seguendo pedissequamente il progetto originario della General Electric senza adeguarlo alle condizioni del sito - mantenendo i generatori di emergenza e i quadri elettrici non all’interno del più protetto edificio del reattore ma nei locali turbine.

Un monaco buddista giapponese prega per le vittime nella città di Yamada, devastata dallo tsunami (foto Ansa).
Un monaco buddista giapponese prega per le vittime nella città di Yamada, devastata dallo tsunami (foto Ansa).

Sui piani di emergenza e di evacuazione, sulle responsabilità e i risarcimenti, sugli organismi di controllo punta il dito Greenpeace International in un suo recente dossier, "Lessons from Fukushima". Ci sono, infatti, ancora molte domande che aspettano una risposta: come è possibile che, nonostante tutte le rassicurazioni sulla sicurezza dei reattori, sia potuto avvenire un incidente nucleare di tale gravità in uno dei Paesi industrialmente più avanzati al mondo? Perché i piani di emergenza e di evacuazione non hanno garantito la protezione delle persone da un'eccessiva esposizione alla ricaduta radioattiva e dalla contaminazione che ne è derivata?

Madri della Prefettura di Fukushima protestano davanti alla sede del ministero dell'Economia nel centro di Tokyo (foto Ansa).
Madri della Prefettura di Fukushima protestano davanti alla sede del ministero dell'Economia nel centro di Tokyo (foto Ansa).


E ancora: perché il governo del Giappone, a un anno di distanza, non riesce ancora a proteggere i suoi cittadini dalle radiazioni? Perché le oltre centomila persone che subirono la maggior parte dagli effetti dell'incidente nucleare ancora non ricevono un adeguato sostegno, finanziario e sociale, teso ad aiutarle a ricostruire le loro case, le loro vite e le loro comunità? Secondo Greenpeace, i rapporti sulla contaminazione elaborati immediatamente dopo il disastro non vennero mai mandati al Gabinetto del Primo ministro dove si prendevano le decisioni e migliaia di persone vennero evacuate in aree fortemente contaminate, a causa di un mancato coordinamento. In un ospedale e in una casa di riposo vicino alla centrale, morirono 45 dei 440 pazienti dopo che il personale abbandonò le strutture. In diversi ospedali della Prefettura di Fukushima venne interrotto il servizio dopo che centinaia di medici e infermiere si rifiutavano di lavorare per non essere esposti alle radiazioni.

Vengono misurate le radiazioni nei pressi della centrale di Fukushima (foto Ansa).
Vengono misurate le radiazioni nei pressi della centrale di Fukushima (foto Ansa).


D'altronde, si insegna, che in caso di incidente nucleare, bisogna chiudersi in casa, e i giapponesi rispettano le regole. Anche questo principio venne meno, perché è possibile solo per un tempo limitato e non per 10 giorni e tanto durò l'esposizione massiccia di radiazioni nell'area di Fukushima. Anche la situazione di post-emergenza si è rilevata piena di problemi. Le autorità giapponesi continuano a non riuscire a prevedere la portata della contaminazione del cibo e delle colture. Questo ha portato a scandali che hanno ulteriormente minato la fiducia del pubblico e causato inutili danni economici aggiuntivi agli agricoltori e ai pescatori.

16 febbraio 2012: anziani del villaggio giapponese di Iitate durante un pasto nel centro di evacuazione di Matsukawa, nella Prefettura di Fukushima (foto Ansa).
16 febbraio 2012: anziani del villaggio giapponese di Iitate durante un pasto nel centro di evacuazione di Matsukawa, nella Prefettura di Fukushima (foto Ansa).

In totale le persone evacuate sono state 150.000, molte delle quali hanno perso tutto e non hanno ancora ricevuto un adeguato risarcimento. La legislazione giapponese in tema di risarcimenti e compensi stabilisce che non c'è un tetto massimo di risarcimento che il gestore di reattore nucleare, in questo caso l'azienda Tepco, deve pagare per i danni causati a terzi.

Non sono previste tuttavia norme e procedure dettagliate su come e quando i risarcimenti saranno pagati, né viene definito chi ne abbia diritto e chi no. Inutile dire che la Tepco finora è riuscita a sfuggire alle proprie responsabilità e non ha risarcito adeguatamente le persone e le imprese che sono state drammaticamente colpite dall'incidente nucleare. Greenpeace sottolinea che gran parte del costo dei risarcimenti sarà comunque sostenuto non dalla Tepco, ma dallo Stato e quindi dai contribuenti.

Lavoratori nel centro operativo di emergenza a Fukushima (foto Ansa).
Lavoratori nel centro operativo di emergenza a Fukushima (foto Ansa).


In Giappone, i rischi di terremoti e tsunami erano ben conosciuti anni prima del disastro. L'industria e le autorità di regolamentazione rassicuravano la popolazione sulla sicurezza dei reattori in caso di calamità naturale. Lo hanno fatto per così tanto tempo che hanno iniziato a crederci loro stessi.

È sintomatico di quest’atteggiamento il fatto che, dopo l’incidente, molti politici giapponesi (e non solo) si preoccuparono di come ripristinare la fiducia dell'opinione pubblica nel nucleare e non di come tutelare efficacemente le persone dai rischi delle radiazioni. Katsunobu Onda, autore nel 2007 del libro “Tepco, l’impero oscuro”, spiega anche il perché: “Se il governo giapponese e la Tepco avessero ammesso che un terremoto poteva creare danni alla centrale questo, in un paese sismico come il Giappone, avrebbe lanciato sospetti sulla sicurezza di tutti i reattori”.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%
PAROLA E PREGHIERA
€ 33,60 € 33,50
VITA PASTORALE
€ 29,00
GAZZETTA D'ALBA
€ 62,40 € 0,00 - 14%