logo san paolo
venerdì 28 gennaio 2022
 
 

FuoriSalone 2011/Va in scena l’acqua

11/04/2011  Dalla vasca alla cabina doccia passando per la rubinetteria, ecco i progetti per il bagno

Dal 12 al 17 aprile, dalle 10 alle 21, nello showroom Boffi di Via Solferino 11 a Milano andrà in scena Aboutwater, evento che nasce dall’alleanza tra le aziende Boffi e Fantini e dall’estro creativo di due designer: Piero Lissoni (che ne ha curato anche l’allestimento) e Naoto Fukasawa. In occasione del Salone del Mobile 2011 saranno presentate due linee di rubinetteria progettate dai due designer. La prima è AL/23 di Piero Lissoni (nella foto). In cromato lucido e verniciato, nasce da una forte vocazione alla semplicità sia di linea sia di utilizzo. Nelle sue parti costitutive richiama l’essenzialità di fontane e impianti industriali, progettati per essere pratici, maneggevoli ed efficienti. Il disegno è pulito, pensato per un facile inserimento in qualsiasi ambiente bagno. La collezione AF/21 di Naoto Fukasawa, invece, è in ottone cromato lucido e cromato satinato e nasce da un un lavoro di semplificazione della forma. Ridotta la linea quasi a pura icona, è la qualità estetica della materia a venire esaltata. Rubinetti e miscelatori diventano dischi e cilindri: i primi ricordano le manopole di uno stereo; i secondi, l’eleganza di un’immagine alfabetica. 

Anche al Superstudio Più di via Tortona 27 a Milano va in scena l’acqua, sempre dal 12 al 17 aprile (ore 10-21). Il progetto questa volta è dell’azienda Inax, che si è rifatta alla tradizione giapponese del benessere che deve riportare la mente e il corpo a contatto con la natura. Furo è il progetto bagno, composto da vasca (nella foto) e cabina doccia, disegnato da Toshiyuki Kita. Nel nome richiama l’usanza orientale di fare il bagno per liberare la mente. La novità tecnologica è rappresentata dalla consistenza cremosa della schiuma, composta da bolle leggerissime che consentono, con la minima quantità d’acqua, di avvolgere il corpo in una soffice nuvola. I vantaggi sono sia per il corpo, non più affaticato dalla pressione dell’acqua, sia per l’ambiente, per il risparmio di acqua e di calore: la schiuma, infatti, permette di mantenere costante la temperatura dell’acqua e di trattenere il vapore, evitandone la dispersione. 

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo