logo san paolo
lunedì 08 agosto 2022
 
 

Monsignor Galantino: «La pedofilia è un crimine»

26/09/2014  Il segretario generale dei vescovi italiani commenta l'arresto dell'ex nunzio e la tolleranza zero del Vaticano. Ora anche gli altri facciano lo stesso.

Si dice soddisfatto dell'arresto dell'ex nunzio Wesolowski: «Una fortuna che stia sconvolgendo l'opinione pubblica. Così passa il messaggio chiaro di papa Francesco, sulla scia di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, quello cioè che la pedofilia è un crimine, che non c'è nessuna possibilità di sottovalutare questo crimine e di passarla liscia». Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, non ha dubbi sulla linea della tolleranza zero: «Queste persone vanno cacciate come è stato fatto. Il tiro si alza in maniera bella chiara e corretta. Si vede che non c'è nessuna volontà di coprire, rimandare».
Il segretario della Cei, spiega che «per un malinteso senso di prudenza qualche volta è capitato che una persona che fosse accusata di questi crimini, perchè di crimini si tratta, fosse stata spostata da un'altra parte perché si pensava che così si potesse risolvere il problema. Grazie a Dio abbiamo capito che non è questo il problema». Monsignor Galantino, però, dice anche altro e cioè che anche fuori dalla Chiesa bisogna essere rigidi e fare di tutto perché questo crimine sia bandito. Il segretario della Cei cita il caso del turismo sessuale. «Bene», dice monsignor Galantino, «sappiamo bene che in gran parte dei casi si tratta di turismo sessuale legato alla pedofilia. Le organizzazioni delle agenzie di viaggio, per esempio, cosa fanno per combattere questo crimine? E anche altri tipi di categorie, avete visto per esempio tra i professori, avvocati, ingegneri, che percentuale c'è di pedofilia dichiarata? Non se ne parla proprio».
Il vescovo chiede un intervento a tutto campo per sconfiggere la pedofilia. «Noi stiamo identificando i preti pedofili, li si sta perseguendo, si stanno prendendo decisioni. Io aspetto il giorno che altre categorie, che altre realtà comunitarie prendano sul serio il dramma della pedofilia. Tutti quanti  sono felicissimi e anch'io sono felicissimo quando beccano un prete o un vescovo che ha commesso questo tipo di crimine. Perché così possiamo subito metterli fuori. Stiamo facendo pulizia. Ma, per tutta l'altra percentuale di pedofilia che è in giro, che cosa si sta facendo?».

Multimedia
Chi è Jozef Wesolowski, dalla diplomazia all'arresto
Correlati
I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo