logo san paolo
sabato 15 maggio 2021
 
dossier
 

Garzonio: Martini, spirito profetico

31/08/2012  L'intellettuale milanese, fra le persone più vicine al cardinale per tanti anni, ricorda il suo costante confronto con i fatti storici, dal terrorismo al lavoro alla corruzione.

Martini il giorno dell'ingresso a Milano (foto Olycom).
Martini il giorno dell'ingresso a Milano (foto Olycom).

Uno spirito profetico, che sapeva farsi interrogare dalla realtà storica, interpretandola alla luce del Vangelo. Così Marco Garzonio, persona fra le più vicine al cardinale Martini, lo ricorda a pochi istanti dalla scomparsa. Eminente intellettuale legato alla città di Milano, giornalista, psicanalista, docente alla Cattolica, Garzonio racconta che da tempo si stava preparando all'evento: «Il Parkinson è progressivo, eravamo preparati alla notizia».

Cosa ha rappresentato il cardinale Martini per Milano e per la Chiesa?
«Come ogni vero spirito profetico, è partito dalla realtà che gli era stata assegnata, la diocesi di Milano, per realizzare la sua testimonianza cristiana. Il suo sforzo è sempre stato quello di cercare il punto di incontro fra il Vangelo e i problemi, anche drammatici, sconvolgenti, della storia».

Ricorda qualche episodio?

«Quando, a causa del terrorismo, si precipitò in Statale. O quando fu ucciso l'ingegnere dell'Icmesa Paolo Paoletti... Ecco, in queste occasioni vedemmo all'opera il Martini che affronta la minaccia alla democrazia. Oppure il Martini che, fin dall'82, colse la sfida dell'immigrazione e pose il problema dell'accoglienza. O quando l'anno successivo, quindi ben nove anni prima che scoppiasse Tangentopoli, denunciò la corruzione. O, ancora, quando, nell'82, visitò la Pirelli, incontrando gli operai che non riuscivano a chiudere il contratto con Leopoldo Pirelli: qui anticipò le trasformazioni del mondo del lavoro».

Qual era la sua forza? Da dove veniva questa sua "lucidità" nel leggere la storia?
«Anzitutto dal carattere: riflessivo, introverso, timido. Dalla tempra, che gli aveva dato l'ordine di appartenenza, quello dei gesuiti. Dalla Bibbia: fu tra i primi a praticare una critica testuale dell'Antico Testamento, quando ancora ai laici non era concesso. Infine: dalla ricettività rispetto alla realtà. Sapeva bene che non siamo noi a cambiare la storia, bensì la storia a cambiare noi. E lui, da uomo curioso e di grande cultura, si è lasciato plasmare dalla realtà. Lo fece fin da quando, 52 enne, entrò a Milano senza grandi esperienze pastorali. Accettò l'osmosi fra la sua persona e la realtà esterna».

Marco Garzonio ha seguito per 22 anni Martini per il "Corriere della sera" (foto Milestone).
Marco Garzonio ha seguito per 22 anni Martini per il "Corriere della sera" (foto Milestone).

Ha qualche ricordo personale che le è caro?
«Era sempre lì a meditare... Chiedeva: che ne pensi? Aveva una grande capacità di ascolto».

Fra le iniziative che più hanno segnato i tempi c'è stata la celebre cattedra per i non credenti...
«Una volta scoppiò una polemica fra credenti e non credenti. Lui intervenne dicendo: la polemica può esserci solo fra chi pensa e chi non pensa... Diceva: anch'io mi interrogo sul mio essere non credente... Sapeva mettersi in discussione».

Quale eredità ci lascia?
«Quella di una Chiesa profetica, che non si sofferma sui dettagli, sulle prescrizioni, ma va alla radice del messaggio evangelico. Una Chiesa che libera. Che sa andare al di là del contingente».

Multimedia
Carlo Maria Martini, un ricordo più vivo che mai
Correlati
«Quando sognava vedeva la Chiesa di domani»
Correlati
Carlo Maria Martini, un ricordo più vivo che mai
Correlati
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%