logo san paolo
lunedì 27 giugno 2022
 
dossier
 

Gaza, le suore sfollate e quelle rimaste

04/08/2014  Stenta a trovare le parole giuste per esprimere il dolore del distacco, suor Maria Laudis. Trentasei anni, brasiliana, è una delle tre religiose dell’istituto Serve del Signore della Vergine di Matarà, che prestavano servizio nell’unica parrocchia cattolica di Gaza, e costrette ad evacuare durante una tregua. Le suore di Madre Teresa sono ancora nella Striscia.

Erano in pianto i ragazzi che vivono nella piccola parrocchia cattolica della “Sacra Famiglia” a Gaza, quando hanno visto le tre suore prepararsi alla partenza. “Perché ci lasciate?”, chiedevano loro con insistenza. “E’ stato il momento più difficile. Davvero straziante”. Stenta a trovare le parole giuste per  esprimere  il dolore del distacco, suor Maria Laudis. Trentasei anni, brasiliana, è una delle tre religiose dell’Istituto Serve del Signore  della Vergine di Matarà, che prestavano servizio nell’unica parrocchia cattolica di Gaza, e costrette ad evacuare  durante una tregua e rifugiarsi  a Beit Jala, una località vicina a Betlemme.  

 “La situazione è precipitata, anziché migliorare. Pensavamo che con l’arrivo delle forze di terra, cessassero i bombardamenti ma così non è stato, anzi si sono intensificati, mettendo a rischio la vita di molte famiglie della comunità cristiana”, spiega la religiosa. “Poco prima di andar via, tre missili sono caduti  proprio di fronte agli edifici della parrocchia. La paura è stata tanta. Non c’è più sicurezza per la popolazione che sta sfollando”.  I bombardamenti  si sarebbero  avvicinati,  a quanto racconta la religiosa, perché i militari israeliani avrebbero individuato un comando di Hamas con un tunnel  nel territorio della parrocchia. “Il risultato è che le case tremano e i bambini s’ammalano per la paura”.   

Le religiose della congregazione argentina sono presenti nella Striscia dal 2005 e, oltre all’attività pastorale classica, portano  aiuto alle famiglie più povere del territorio, seguono i minori nell’attività scolastica e d’animazione.   Ora nella parrocchia della Sacra famiglia sono rimaste col parroco, don Jorge Hernandez, missionario argentino dell’Istituto del Verbo incarnato, solo le suore di Madre Teresa che accolgono 28 bambini disabili e nove donne anziane. Le famiglie dei minori, invece, hanno abbandonato le loro abitazioni.    Suor Laudis è entrata a Gaza City nell’aprile scorso. “Prima di Gaza sono stata in missione in Egitto per 11 anni. Saremmo rimaste anche noi, ma i superiori ci hanno chiesto di uscire. Vivere in situazioni al limite è la nostra missione e non appena le condizioni ce lo permetteranno, torneremo laggiù. Siamo ben accolte dalla popolazione perché aiutiamo tutti, senza distinzione di credo”, osserva ancora la giovane  missionaria. Di recente avevano acquistato e installato piccoli generatori d’energia elettrica per le abitazioni limitrofe e realizzato dei serbatoi per l’acqua ad uso domestico. “La comunità cattolica soffre molto e denuncia questa guerra ingiusta. Perché non si apre la frontiera?  A queste condizioni non c’è futuro per la comunità palestinese”, conclude con amarezza.

Multimedia
Parents Circle, genitori insieme: un seme di speranza
Correlati
Parents Circle, genitori insieme: un seme di speranza
Correlati
Gaza, le Ong: «Abbiamo bisogno di farmaci»
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo