Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
Il Teologo
 

«Gementi e piangenti in questa valle di lacrime: i cristiani, tetri e pessimisti»

26/10/2020 

CESARE F. - La gioia non sembra un tema molto gettonato nella spiritualità cristiana. Siamo eredi di una tradizione spirituale tetra e pessimista. Non sarebbe opportuno riformare il testo della Salve Regina «gementi e piangenti in questa valle di lacrime»?

«La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che incontrano Gesù». Così papa Francesco inizia la sua prima esortazione apostolica. È purtroppo vero che, per una complessa convergenza di condizionamenti culturali, la “bella notizia” è stata talvolta trasformata e ridotta semplicemente a un complicato sistema di obblighi e di proibizioni. Una deriva legalista dalla quale non fu esente neppure il popolo della prima Alleanza (cfr. Mt 23). I comandamenti del Signore mirano a darci vita in abbondanza e gioia piena (cfr. Gv 10,10; 15,11)... ma non senza le doglie del parto (cfr. Rm 8,22; Ap 12,2). La preghiera della Salve Regina ri’ette senza dubbio il contesto dell’XI secolo quando il popolo cristiano cercava conforto soprattutto rivolgendo la propria devozione al Cristo croci•sso con Maria ai piedi della croce. Senza esasperazioni unilaterali, non possiamo dimenticare che il mistero della croce fa sempre parte della nostra vita.

(Immagine in alto: Mater Dolorosa, Aelbrecht Bouts, dominio pubblico)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo