Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
 

Mamme e bambini: per loro si spende

22/11/2012  La Lombardia è leader nelle imprese che si occupano dei bisogni di mamme e neonati. Dai dati nazionali emerge che le famiglie spendono soprattutto per i bambini piccoli.

In Italia sono 14.161 le imprese dei “baby settori”, cioè che si occupano dei bisogni di mamme e neonati, tra negozi di vestiti per bambini e bebè (7.573), asili nido (3.383) e scuole dell’infanzia private (3.171). È quanto emerge da un’analisi del registro imprese 2012 della Camera di commercio di Milano.

Le regioni leader? La Lombardia, dove si trova un’impresa italiana su sei, e la Campania.
E tra le province italiane è Napoli la regina dei baby settori con ben 1.041 imprese attive (7,4% del totale italiano di settore), seguita da Roma con 1.016 imprese (7,2%), Milano (669 imprese, 4,7%) e Torino (550 imprese, 3,9%). Un risultato apparentemente inusuale, che rompe la leadership milanese e romana in settori simili, ma che si può spiegare facilmente ricordando la tradizione della provincia partenopea nel confezionamento e nel commercio dei vestiti. In Campania, infatti, ci sono ben 1.167 negozi di abbigliamento per bambini e neonati, a fronte, ad esempio, dei soli 72 del Friuli-Venezia Giulia.

La Lombardia torna la “capitale economica”, invece, per le imprese attive come asili nido (25,4%), scuole dell’infanzia (22,4%) e fabbriche di carrozzine e passeggini (58,8%). I dati della Camera di Commercio rivelano, inoltre, una specializzazione delle singole province: Milano concentra soprattutto asili nido privati (37,8% lombardo), negozi specializzati (27,7% regionale) ed è seconda per scuole d’infanzia (18,2%). Bergamo vanta il primato per numero d’imprese che fabbricano carrozzine (50%), mentre Brescia è prima per scuole materne (18,6% del totale lombardo).

Federica Ortalli, membro di Giunta della Camera di Commercio di Milano, sottolinea «la femminilizzazione, la capacità di fare network, la proattività e la creatività che contraddistingue le Lombardia». A fronte di un numero elevato di imprese, ricorda però che «negli ultimi anni la famiglia è stata duramente colpita dalla crisi e quindi, analizzando il settore, si nota un calo degli utili». Tuttavia, «i genitori italiani tendono a tagliare maggiormente le spese per i figli più grandi, mentre nei baby settori (0-8 anni) continuano a spendere. Alle volte, per i figli più piccoli, anche in maniera più spensierata».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo