logo san paolo
mercoledì 19 gennaio 2022
 
ANNIVERSARI
 

Genova ricorda Luigi Tenco a 50 anni dalla morte

05/01/2017  Il 7 gennaio la città dove il cantautore di "Ciao amore ciao" è cresciuto gli rende omaggio con una mostra di oggetti a lui cari e un concerto.

«Canterò finché avrò qualcosa da dire e quando nessuno vorrà più ascoltarmi bene, canterò soltanto in bagno facendomi la barba ma potrò continuare a guardarmi nello specchio senza avvertire disprezzo per quello che vedo». Purtroppo questa profezia di Luigi Tenco non si è realizzata. Avremmo voluto ancora sentire a lungo la sua voce raccontare le sue storie malinconiche, allegre, sempre uniche, vestite da musiche spesso indimenticabili. Ma lui, il 27 gennaio di 50 anni fa, dopo aver appreso che la sua canzone Ciao amore ciao era stata esclusa da Sanremo decise di togliersi la vita.

La sua arte però non se ne è mai andata e ora sabato 7 gennaio Genova, la città dove si è formato, lo ricorda con due eventi. Il primo è una mostra con oggetti del cantautore presso il Foyer del Teatro della Tosse: ci sarà la macchina da scrivere con cui scriveva i suoi testi, la chitarra, il sax che lo ha accompagnato in tante performance, anche televisive, e numerosi oggetti legati alla sua avventura artistica: spartiti, foto, locandine, rare edizioni dei suoi dischi e i premi vinti nella sua carriera.
 
 

Alle 20.30 il Teatro della Tosse ospiterà invece di Tenco con Roberta Alloisio e Armando Corsi, che sarà anche l’occasione per presentare il loro nuovo CD “Luigi” a lui dedicato, contenente l'omaggio che Giorgio Gaber dedicò all’amico negli anni ’80, cantato dalla moglie Ombretta Colli in una produzione teatrale, nell’arrangiamento di Franco Battiato e mai riproposto.

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo