Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
 

Gioco anch’io? sì tu sì!

02/12/2013  Un’associazione veronese mette in rete la creatività dei genitori dei bambini disabili che modificano parzialmente o inventano giochi adatti ai loro figli.

La bambola di Cristian ha con un vestito a pois bianchi e neri e altri non è che una bambola di pezza con uno scampolo cucito addosso e l'aggiunta di un campanello. Mosso dalla mano della mamma, però, il gioco in bianco e nero può essere utilizzato per l'inseguimento visivo. Così l’altalena di Francesca che è cresciuta con lei. All'inizio c’era un seggiolino che si trovava in commercio poiché la bambina riusciva a sostenere il busto e il capo. Poi crescendo ha avuto bisogno di un sostegno per la schiena e la testa. Il nonno ha costruito la parte metallica e il tappezziere ha fatto il seggiolino con l'imbottitura. O il deambulatore “Ferrari” per Leonardo, classico deambulatore che è stato trasformato dai genitori in una macchina di formula uno da far invidia. Sono solo alcuni dei giochi fai da te che genitori e nonni hanno creato per i loro bambini disabili e che l'associazione Gioco anch’io, che ha sede a Villafranca di Verona, ha messo in rete un “catalogo” (www.giocoanchio.it): una possibilità di condivisione importante per i genitori, ma anche per i terapisti, che offre stimoli e suggerimenti pratici. Molti giocattoli in commercio sono già accessibili e adatti a problematiche che interessano i cinque sensi. Negli anni sta anche crescendo la sensibilità dei progettisti e dei costruttori. Ma per alcuni genitori questo non basta. Ecco allora che interviene le creatività di ognuno e la determinazione dell’associazione veronese che collabora con alcune aziende per provare a determinare un cambiamento culturale già in fase di produzione. Perché, come spiega la presidente di Gioco anch’io Fosca Franzosi, fisioterapista neurologica da 33 anni, «il gioco è uno strumento di terapia ed è l’unica via d’accesso al mondo del bambino».

Multimedia
Cavalcando l'autismo
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo