logo san paolo
venerdì 03 dicembre 2021
 
giornata mondiale della vista
 

Mario Barbuto di Uici: "Ipovedenza e cecità emergenza in crescita in Italia. Bisogna fare di più"

14/10/2021  Il presidente dell'Unione italiana ciechi e ipovedenti lancia l'allarme: "Sono in forte aumento patologie gravi come la maculopatia, il glaucoma o la retinopatia diabetica. Servono campagne capillari di prevenzione e informazione". E il 20 ottobre in Italia si celebrano i cani guida e le loro famiglie affidatarie

La disabilità visiva è un’emergenza in forte crescita nel nostro Paeseche già vede a rischio oltre 3 milioni di persone e l’aumento delle patologie visive sia tra i giovani che nella popolazione più anziana. E' l'allarme lanciato dall'Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uici) in occasione della Giornata mondiale della vista, che ricorre il 14 ottobre ed è promossa dall'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità

«La crisi economica e sociale derivata dall’emergenza Covid ha ulteriormente peggiorato una situazione già grave in sé», dichiara Mario Barbuto, presidente dell'Uici, «perché le persone da un lato sono state costrette dalla pandemia a rimandare a tempi migliori le visite oculistiche e spesso anche le cure, dall’altro hanno vissuto situazioni di maggiore stress per i propri occhi, trascorrendo molto più tempo davanti a PC e dispositivi elettronici per via dello smart working e della didattica a sistanza. Non possiamo permetterci che una situazione già delicata precipiti ulteriormente gravando su tutta la collettività e sulle famiglie, in cui la presenza di persone ipovedenti o con patologie gravi e in forte aumento come la maculopatia, il glaucoma o la retinopatia diabetica ha un impatto enorme sulla qualità della vita dell’intero nucleo familiare». 

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, l'ipovedenza è una problematica in crescita in tutto il mondo. «Già oggi si stima che siano circa 240 milioni le persone colpite da ipovisione e cecità a livello globale», prosegue Barbuto. «Da questo punto di vista il nostro Paese deve fare di più. In primo luogo occorre dare piena e più ampia attuazione alla Legge 284/97 che affida alle Regioni la gestione di programmi di prevenzione tramite finanziamento ministeriale, con campagne di informazione che illustrino alla cittadinanza la necessità di sottoporsi a controlli periodici fin dalla giovane età».

E a proposito di informazione e senbilizzazione, in occasione della Giornata mondiale della vista sono numerose le iniziative - dalle visite oculistiche gratuite agli eventi di informazione sulla natura dell'occhio umano - organizzate in tutta Italia da Unione italiana ciechi e ipovendenti e Iapb Italia Onlus (la sezione italiana dell'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità), che si affiancano  alla campagna di Prevenzione itinerante “Vista in Salute” attuata da Iapb grazie al finanziamento del Parlamento Italiano e al sostegno del ministero della Salute. 

Il 20 ottobre ricorre invece la Giornata nazionale del cane guida, un evento per dare risalto all'importantissima azione di sostegno svolta dai cani, in genere di razza labrador, golden retriever o pastore tedesco, che vengono addestrati per accompagnare le persone con disabilità visiva, aiutarle negli spostamenti fuori casa, salvaguardare la loro incolumità, dando loro anche un importante supporto psicologico. Una risorsa preziosa, fondamentale, per tutta la società, tanto che per legge (n.37 del 1974) i cani guida possono accedere in qualunque luogo pubblico, senza obbligo di museruola. Nella giornata del 20 ottobre in particolare si celebreranno, con un evento organizzato a Messina, le famiglie affidatarie dei cani destinati a diventare guide, ovvero quelle famiglie che accolgono e si prendono cura dei cuccioli per 10 mesi, insegnando loro le regole di comportamento di base, prima che inizino il periodo di addestramento vero e proprio, della durata di almeno sei mesi, in una scuola per cani guida con personale specializzato. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo