logo san paolo
sabato 22 gennaio 2022
 
dossier
 

Giovani e sballo, atti estremi per il plauso del gruppo

10/08/2015  Lo psicoterapeuta Gustavo Pietropolli Charmet commenta le cosiddette “morti da sballo”, fenomeno che sta diventando emergenza: «Questi adolescenti arrivano a compiere atti estremi per ottenere il plauso del gruppo, una sorta di rito d'iniziazione. Spesso non sono né tossici né alcolisti né delinquenti, ma ragazzi irreprensibili, bravi a scuola, che in situazioni “normali” non farebbero cose del genere». Che cosa può fare la famiglia.

È semplicemente demenziale accusare la famiglia o anche la scuola, in realtà questi ragazzi decidono di affrontare l’ignoto e arrivano persino a sfidare la morte, all’interno del gruppo, in una sorta di rito d’iniziazione”. Così lo psicoterapeuta Gustavo Pietropolli Charmet commenta le cosiddette “morti da sballo”: un fenomeno che sta diventando un’emergenza, anche se non sono del tutto chiare le cause del decesso del del 19enne leccese Lorenzo Toma, morto poche notti fa in una discoteca del Salentino.

Quindi a suo avviso è sbagliato chiudere le discoteche…
“A mio avviso è un provvedimento inutile. Questi adolescenti arrivano a compiere atti estremi per ottenere il plauso del gruppo. Assumendo sostanze sballanti in discoteca, in un rito che comprende anche l’alcool, la musica assordante, l’allentamento del senso del pudore, ma anche lanciandosi in corse folli in motorino, bevendo birra fino al coma dopo essere stati nominati. Dobbiamo capire che non sono né tossici né alcolisti né tantomeno delinquenti. Spesso sono ragazzi irreprensibili, bravi a scuola, che in situazioni “normali” non farebbero cose del genere. Il fascino di questa prova di iniziazione gli adolescenti l’hanno sempre avvertito, ma oggi c’è un pericolo in più”.

Ossia la dipendenza dal gruppo?
“Qualcosa di più grave. Ormai c’è una vera e propria cultura generazionale che con internet trova i suoi canali di comunicazione. I nostri ragazzi sono abituati a vivere a stretto contatto coi coetanei fin dall’asilo, il pericolo è che la cultura del gruppo prevalga rispetto all’educazione familiare e scolastica. Se a questo aggiungiamo la crisi dei valori e del sacro, è evidente che il quadro è insidioso”.

Che cosa può fare la famiglia?
“Intanto non sbagliare la diagnosi, altrimenti noi adulti rischiamo di essere completamente tagliati fuori dal loro mondo. Bisogna cercare di renderli più autonomi, meno dipendenti dalla cultura omologante del gruppo. E non è facile”.

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo