logo san paolo
mercoledì 10 agosto 2022
 
 

In montagna il giro si fa bello

23/05/2012  Ci sono volute le Dolomiti per far salire il livello di un giro d'Italia poco italiano. La maglia rosa è Rodriguez ma Ivan Basso...

Ci sono volute le Dolomiti più vere, col tappone da Falzes a Cortina d’Ampezzo, per fare più grande e anche più italiano il Giro d’Italia. Anche se ha vinto in maglia rosa Joaquin “Purito” Rodriguez, lo spagnolo che si è aggiudicato due tappe e comanda la classifica sempre con 30” sul canadese Hesjedal e 1’22”sul nostro Basso, lo spagnolo che è forte ma sicuramente non è un Contador, lo spagnolo che ora scivolerà tranquillo nell’ultima frazione offerta ai velocisti e dunque prenotatissima dall’inglese Cavendish, lo spagnolo che venerdì dovrà difendersi in due salite al colle di Pampeago, la seconda con arrivo in salita, e che sabato dovrà scalare, dopo il Mortirolo, lo Stelvio con arrivo in altissima quota e paure di neve. Il tutto per poi fare 30 chilometri forse decisivi domenica a cronometro per le strade di Milano.


Le premesse per una splendida conclusione di un Giro bello, quasi grande, e teso e onesto ci sono tutte. Ivan Basso ieri in salita ha fatto prima lavorare la sua squadra, poi si è messo in testa, facendo l’andatura sua tipica da diesel e mandando in crisi tantissimi. Questo ha voluto dire la sparizione di Kreuziger, il cecoslovacco tra i favoriti, il minidimensionamento di Cunego attardato, il cedimento ripetiamo di tanti, ma anche l’emersione, con lo stesso Basso, di Scarponi – il vincitore sia pure a tavolino del 2011, non dimentichiamolo - assai reattivo (anche ai crampi), di Pozzovivo sempre più bravo, di Hesjedal sorprendente, del colombiano Uran di turno come rappresentante di giornata del ciclismo sudamericano da montagna, e si capisce dello stesso Rodriguez. 


La volata a sei, questi sei, non dava abbuoni, come sempre sui traguardi di montagna, e dunque non ha fornito indicazioni sullo stato di freschezza dei protagonisti, e l’ordine d’arrivo ha valore solo per come testimonia la reattività della maglia rosa. Rodriguez ha rimontato alla fine Basso che poteva peraltro dirsi soddisfatto, lui che non ama le discese e che dunque ha patito la calata su Cortina. 

Basso che ha la pedalata più bella, forse sin troppo bella e rotonda, specialmente se la salita chiama ad uno scatto nervoso. Basso che ha già vinto il Giro due volte, ha peccato di doping e ha espiato, e ora gareggia a 35 anni in serenità, capace fra l’altro con un eloquio quasi da intellettuale di spiegare, di spiegarsi.

Bel Giro, come non si credeva possibile dopo l’avvio con offerti a troppi nomi ostrogoti, con tre assurde tappe in Danimarca, come non si osava sperare con le grandi montagne forse allineate in troppo pochi giorni, il che di solito significa prudenza, paura, risparmio, tran-tran. Bel Giro senza i campioni massimi, ma con il massimo dato dai campioncini. Bel Giro con italiani anche giovani che finalmente prometticchiano qualcosa. Bel Giro senza voci di accordi, di remissività sospette come di sospette esplosioni, senza il pissi-pissi bao-bao delle vere o supposte congiure. 

Bel Giro con folla grossa ma disciplinata, con polemiche poche o niente, con antidoping per ora non artigliante nessuno. Bel Giro con un bellissimo abbraccio a Cortina fra Rodriguez e Basso. Il tutto sempre confidando che un fatto, un fattaccio non arrivi non tanto smentire noi, quanto a sporcare tutta la corsa. E ad offendere la gente che altro non chiede che di poter continuare a credere.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo